Apple, svolta storica: nuovo programma clienti Self Service Repair

apple

Pressata dalle associazioni dei consumatori e dagli azionisti attenti alla sostenibilità, Apple ha lanciato il nuovo programma Self Service Repair. Manuali e pezzi di ricambio saranno disponibili online

Un cambio di rotta importante quello che si appresta a lanciare Apple dal 2022. L’azienda californiana, permetterà a tutti i suoi clienti di sostituire elementi usurati o rotti dei propri dispositivi senza doversi recare in un Apple Store oppure in uno dei migliaia centri autorizzati presenti sul territorio. Il nuovo negozio online permetterà di acquistare oltre 200 parti originali singole e strumenti, che permettono di completare le riparazioni più comuni per iPhone 12 e iPhone 13.

Come precisato nella nota ufficiale, il nuovo programma denominato Self Service Repairconsentirà ai clienti in grado di effettuare le riparazioni, di accedere a componenti e strumenti originali”.

Si parte dagli Stati Uniti, a inizio 2022, con il supporto alle famiglie di iPhone 12 e iPhone 13. Dopo gli smartphone, sarà la volta dei Mac con processore casalingo chip M1.

“Ampliare l’accesso a parti originali garantisce ancora più possibilità di scelta quando si ha bisogno di una riparazione” ha dichiarato Jeff Williams, Chief Operating Officer.

Ma attenzione alla garanzia: “I clienti coperti da garanzia, AppleCare+ o AppleCare Protection Plan, devono contattare l’azienda o richiedere assistenza ad un fornitore di servizi autorizzato. Se una riparazione eseguita al di fuori delle reti di riparazione autorizzate di Apple non ha esito positivo o provoca danni al dispositivo, le riparazioni future presso gli Store ufficiali, la rete di fornitori di servizi autorizzati Apple e i centri di riparazione, potrebbero essere soggette a costi di assistenza fuori garanzia” precisa il colosso.

L’estensione ad altri paesi poi, Italia inclusa, nel corso del 2022.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.