Apple Watch 8: tra le novità la misurazione della temperatura corporea

apple watch-series 8

Secondo quanto riferito da Mark Gurman di Bloomberg, il prossimo Apple Watch Series 8, in uscita a settembre, avrà anche un sensore di misurazione della temperatura corporea

Come ampiamente annunciato nel corso di numerosi eventi ufficiali, il prossimo gioiellino di casa Apple sarà l’Apple Watch Series 8.

Secondo quanto riferito da Mark Gurman di Bloomberg il prossimo Apple Watch, in uscita a settembre, avrà anche un sensore di misurazione della temperatura corporea. Invece di eseguire un monitoraggio continuo del parametro, l’orologio invierà notifiche solo quando rileva un picco della temperatura, così da avvisare l’utente e suggerire di eseguire una lettura più precisa con un termometro tradizionale.

Gurman afferma che il sensore di temperatura corporea deve ancora superare i test interni ma è evidente che, a soli tre mesi dal lancio, Apple avrà già deciso se farlo debuttare quest’anno o rimandarlo al prossimo, in caso di ulteriori miglioramenti.

Al fianco del Watch Series 8, il colosso americano dovrebbe presentare anche il modello economico Apple Watch Se, privo del sensore di febbre e dal design simile alle versioni attuali.

Anche l’analista esperto di Apple, Ming-Chi Kuo, ritiene che il sensore di misurazione della temperatura farà il suo debutto entro la fine dell’anno. Precedenti del Wall Street Journal indicano che la tecnologia potrebbe essere utilizzata anche per il monitoraggio della fertilità: gli sbalzi della temperatura corporea aiuterebbero infatti a determinare il momento migliore per una donna per rimanere incinta, prevedendo la fase ovulatoria che precede il periodo del ciclo.

A parte tale novità, Gurman afferma che qualsiasi altra modifica all’hardware dell’Apple Watch “sarà probabilmente minore”, suggerendo la possibilità di un display migliorato nei modelli di fascia alta.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.

Ambasciator