Un baby shower tutto napoletano

Baby shower

Il baby shower, una recente festa che sta spopolando a Napoli e non solo

Sarà lui, sarà lei” è il tormentone delle feste napoletane per scoprire il sesso del nascituro. Si, perché è nata proprio nella città partenopea la curiosità di scoprire se è maschio o femmina. Sulle note del neomelodico Mario Forte si organizza un party, il baby shower, dove luci blu e rosa si mescolano tra di loro fino a svelare l’attesa notizia.

Il baby shower

Gli ingredienti per la riuscita dell’evento sono un abito rosa per la mamma e un tocco di celeste per il padre, una torta saporita ma colorata all’interno già con il colore adatto al nascituro. Fumogeni colorati per accogliere la lieta notizia e uno stuolo di parenti e amici che riprendono con il cellulare il primo filmino della famiglia che si sta formando.

Si fa anche una sorta di sondaggio tra le zie, i nonni, gli amici di sempre e i vicini di casa invitati alla festa: ognuno in cuor suo spera che sia maschio o femmina. Il passo successivo è quello del ‘Benvenuto‘ a casa, di rientro dall’ospedale, i genitori accolgono chi vuole portare un saluto al piccolo o piccola appena nati.

Grandi festeggiamenti

A Napoli ogni notizia si trasforma in una festa, si coglie sempre l’occasione per festeggiare qualcosa. L’azzurro e il rosa sono colori che richiamano la gioia di un papà e di una mamma entusiasti. “Sarà lui, sarà lei” fa rimanere col fiato sospeso tutti i presenti. Poi la rivelazione del sesso del nascituro e la festa che continua.

All’ombra del Vesuvio ogni occasione diventa un momento da dedicare alla propria felicità ed è giusto che venga condiviso con le persone a cui si vuole bene. Il baby shower si prepara al quarto mese di gravidanza non oltre, poco dopo che si è saputo il sesso del nuovo nato. Ma chi lo sa se i genitori sono in attesa dell’effetto sorpresa? Un parente stretto, un amico,  qualcuno che riesce a capire, a sapere prima per poi organizzare il tutto. Sicuramente chi deve sparare al cielo i coriandoli sa bene da lì a pochi minuti cosa accadrà e si rende partecipe di un momento di pura felicità.

Le origini statunitensi

La festa di origini americane ha anche il piacere di raccogliere tutti i doni che gli invitati fanno alla coppia per il nascituro. Insomma, un tripudio di colori, di notizie in attesa, di dolci rosa e blu a cui dare un morso diventa l’anteprima di ciò che potrebbe essere, se celeste solitamente un bimbo il cui nome sarà quello del nonno paterno. Ad un baby shower, è molto importante la decorazione della tavola. Palloncini colorati, cannucce per le bevande e i tovaglioli a tema.

Il Gender Reveal Party

Una costola del baby shower è il Gender Reveal Party. Si mette in piedi dopo l’ecografia morfologica quando si ha la certezza sul sesso del bambino. Il risultato della visita viene conservato in una busta che si aprirà solo durante la festa da parte di una persona di fiducia dei genitori, un amico o parente stretto. A Napoli diverse tradizioni anglosassoni hanno seguito e spopolano a macchia d’olio.

Print Friendly, PDF & Email
Ambasciator