Black Adam, l’antieroe DC per eccellenza

Black Adam, antieroe per eccellenza

In Italia, Black Adam, sarà presente nelle sale cinematografiche dal 20 ottobre. Una storia al di fuori dei soliti canoni supereroistici

Questi poteri non sono un dono, ma una maledizione, nata dalla rabbia” (in lingua originale, “These powers are not a gift, but a curse, born out of rage“) è la frase che meglio sintetizza l’11esimo film del DC Extended Universe, Black Adam

Una rabbia ben interpretata, da quanto visto nel trailer, dall’attore statunitense Dwayne Johnson, che in questa pellicola interpreta non il solito eroe ad una dimensione, ma un personaggio complesso.

Un uomo, che avendo perso tutto, è tornato ad una nuova vita adottando un concetto di “giustizia” molto diverso dal gruppo di supereroi con il quale Black Adam dovrà confrontarsi, la Justice Society of America.

Justice Society of America
Justice Society of America

Black Adam, un personaggio dalle molte sfaccettature

Teth-Adam, il vero nome di Black Adam, fondamentale, ha poteri e forza che ricordano molto Shazam, del quali è la principale nemesi. Dopo che la DC è riuscita ad acquisire negli anni 80 i diritti su diversi personaggi della casa editrice Fawcett, il metro di paragone è diventato Superman.

Adam ha poteri derivanti, nei fumetti, da divinità dell’Antico Egitto. Ad esempio, Teth di Amon ha la Forza, di Shu la Resistenza e di Zehuti la Saggezza

Il pubblico è rimasto sempre affascinato da questo personaggio ambivalente. La DC ha saputo sfruttare questa simpatia rendendo Black Adam, nel corso del tempo, un eroe grigio. Non più, quindi, un super criminale ma un personaggio positivo, a modo suo. 

Comprendere di essere un eroe grazie alla Justice Society of America

Questo gruppo di supereroi costituito da Atom Smasher (Noah Centineo), Doctor Fate (Pierce Brosnan), Hawkman (Aldis Hodge) e Cyclone (Quintessa Swindell), avrà il compito di far comprendere a Teth come non siano solo i poteri che fanno di un uomo qualcosa di più, ma soprattutto il sacrificarsi per il prossimo e l’agire sempre per il bene degli altri.

Una lezione che non sarà facile da apprendere per un uomo che ha visto morire davanti ai propri occhi suo figlio.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.

Ambasciator