Regno Unito, Boris Johnson si è dimesso. Nuovo premier in autunno

Boris Johnson

Troppe le defezioni da parte di esponenti di punta del governo per poter continuare a stare a Downing Street. Boris Johnson resterà in carica fino a quando non sarà scelto un nuovo leader dai Tory

Dopo diversi tira e molla, alla fine le dimissioni sono giunte. Il fin troppo discusso Boris Johnson si è dimesso oggi da leader dei Tory, il partito di maggioranza al Parlamento. BoJo resterà in carica come Primo Ministro del Regno Unito fino a quando non si sarà riunito il congresso dei Tory ad inizio di ottobre a Birmingham. L’assise dovrà scegliere il nuovo leader del partito conservatore, dopo lo svolgimento delle primarie in estate. L’ex sindaco di Londra ha comunicato la sua irrevocabile decisione alla Regina Elisabetta II.

Nuova-strategia-internazionale-del-Regno-Unito

Perché Boris Johnson si è dimesso?

Johnson è stato costretto a questo storico passo dopo l’abbandono questa mattina di Brandon Kenneth Lewis, Segretario di Stato per l’Irlanda del Nord, dal 13 febbraio 2020 a giovedì 7 luglio 2022. 

Più di 50 membri del governo, tra ministri e sottosegretari, hanno lasciato l’incarico in opposizione a Johnson, travolto da scandali, l’ultimo dei quali riguarda Chris Pincher. L’ormai ex deputy chief whip è stato costretto alle dimissioni per essersi ubriacato in un gentlemen club londinese e aver poi molestato due uomini,uno dei quali è un altro deputato.

Johnson sapeva di un altro caso nel quale era stato coinvolto Pincher ma non avrebbe fatto nulla a riguardo. 

Ambasciator