Capitano Kirk nello spazio: William Shatner il più anziano di sempre a lambire il cosmo

William Shatner-Capitano Kirk

William Shatner, 90enne attore canadese che interpretò il comandante dell’Enterprise nella mitica serie Star Trek, è stato uno dei quattro “turisti” partecipanti al programma spaziale di Besos

Un infinito spazio galattico, una navicella spaziale e un capitano, Kirk, pronto ad una nuova missione interstellare. E no, non stiamo parlando di una nuova puntata di Star Trek, ma ci siamo andati molto vicino.

Quest’oggi, infatti, William Shatner, noto ai più come capitano Kirk, comandante della USS Enterprise (NCC-1701) nella mitica serie spaziale, è ufficialmente diventato l’uomo più anziano di sempre a lambire il cosmo.

Il 90enne attore canadese è stato, infatti, uno dei quattro “turisti” a bordo di Blue Origin, nel programma spaziale del patron di Amazon, Jeff Bezos, giunto al secondo lancio.

Il volo, previsto ieri e poi rimandato ad oggi per il troppo vento, è andato in scena alle 16.30 ora italiana dalla base di lancio nell’ovest del Texas. La capsula Blue Origin si è sganciata dal razzo vettore riutilizzabile New Shepard e si è fermato per alcuni minuti in assenza di gravità oltre la cosiddetta ‘Linea di Karman’, collocata a 100 km di altitudine. La linea segna convenzionalmente il confine fra l’atmosfera terrestre e lo spazio.

La capsula è poi ricaduta sulla Terra frenata da tre grandi paracadute e da un retropropulsore, a poca distanza dalla base di lancio. Il tutto è durato 11 minuti.
Meno noti al grande pubblico gli altri tre passeggeri a bordo: Chris Boshuizen, ex tecnico Nasa e cofondatore dell’associazione Planet Labs, che ogni giorno fotografa la terra in alta risoluzione da alcuni satelliti; Glen de Vries, imprenditore nel campo dei software per la biomedicina, e l’unica donna, Audrey Powers, una dirigente dello stesso progetto Blue Origin di Bezos. 

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.