Chi tene ‘a mamma è ricche e nun ‘o sape…

Festa della mamma

La festa della mamma a Napoli

Domenica 12 maggio si celebra la festa della mamma e se c’è un luogo nel mondo dove questa ricorrenza è più sentita questo luogo è certamente Napoli.

La mamma a Napoli è un’altra cosa

A Napoli la mamma è il fulcro della famiglia, un punto di riferimento, è la casa stessa come luogo di ritrovo e di rifugio. La mamma è un porto sicuro, è l’abbraccio che riesce a dare conforto, sempre. E’ la memoria storica della famiglia.

La mamma napoletana è quella che accudisce i figli anche quando sono adulti, anche quando diventa nonna e continua a seguire con amorevole apprensione la famiglia che si allarga, tutta.

Tra i napoletani e le loro madri il cordone ombelicale resta sempre saldissimo e continua a trasmettere un nutrimento fatto d’amore, sconfinato ed incondizionato, che si porta dentro anche quando la mamma non c’è più fisicamente.

La domenica, nei giorni di festa, andare “a pranzo da mammà” è un rituale a cui tutti i figli prendono parte e man mano che la famiglia cresce, la tavolata diventa più grande e si riempie di ogni pietanza della tradizione, di ogni piatto preferito dei figli e poi ancora dei nipoti. E la madre, seduta tra i figli, è lì con lo sguardo apprensivo a riprendere e richiamare perché c’è sempre qualcuno che ha mangiato poco, che sta “sciupato”, che non rende giustizia alle ore trascorse in cucina tra pentole e fornelli.

Nel giorno della sua festa la mamma diventa, ancora più degli altri giorni, la regina che abbraccia, bacia, riceve fiori e doni, con gli occhi pieni di lacrime perché la mamma napoletana, più di altre, davanti all’amore dei figli si commuove e non fa nulla per nasconderlo.

La madre a Napoli è il bene più prezioso e i napoletani lo sanno

Per celebrare questa ricchezza la poetessa Pia Improta Tarallo, nel 1952, scrisse ‘A mamma’, una delle poesie più belle e famose in dialetto napoletano, attribuita erroneamente a Salvatore Di Giacomo.

In questa poesia si racconta l’amore di una madre, infinito come il mare, in grado di dare tutto senza chiedere mai nulla in cambio. Nei primi versi un monito per chi non avesse compreso l’inestimabile valore dell’avere una madre, quasi un invito velato a non scordarlo mai perché “chi tene ‘a mamma è ricche e nun ‘o sape…

Chi tene ‘a mamma

è ricche e nun ‘o sape;

chi tene ‘o bbene

è felice e nun ll’apprezza

Pecchè ll’ammore ‘e mamma

è ‘na ricchezza

è comme ‘o mare

ca nun fernesce maje.

Pure ll’omme cchiù triste e malamente

è ancora bbuon si vò bbene ‘a mamma.

‘A mamma tutto te dà,

niente te cerca

E si te vede e’ chiagnere

senza sapè ‘o pecché,

t’abbraccia e te dice:

“Figlio!!!”

E chiagne nsieme a te.

Print Friendly, PDF & Email
Ambasciator