City in fuga. Si fermano Leicester e United. Premier chiusa?

Premier-League

Allunga il Manchester City di Pep Guardiola sempre più in fuga.Dietro si fermano sia il Leicester che lo United. Torna a vincere e convincere il Tottenham di Jose Mourinho. Vince anche il Liverpool interrompendo la serie negativa. Ritorna avvincente anche la lotta per non retrocedere. Questo e altro in questa fantastica giornata di Premier League

City in fuga in questo sabato di Premier League

Il Manchester City è in fuga vincendo la difficile sfida contro il West Ham che sta vivendo un gran periodo di forma.
Il match si sblocca alla mezz’ora grazie alla rete di Ruben Dias, con lo splendido assist, neanche a dirlo, del solito Kevin De Bruyne.
Al minuto 43 gli ospiti trovano il pareggio: cross di Lingard che trova Michail Antonio al centro che fa 1-1.
Nella ripresa il City trova il goal vittoria con uno splendido tiro di Stones che insacca nonostante non sia famoso per la sua conclusione.
Finisce 2-1!

A seguire, nella zona bassa della classifica il West Bromwich batte il Brighton con una rete di scarto.
All’11’ il goal vittoria con uno stacco imperioso di Bartley che di testa fa 1-0. Al minuto 19 la chance clamorosa per gli ospiti di pareggiare dal dischetto ma Pascal Gross colpisce incredibilmente la traversa.
Al 29’ Brighton si vede annullare il goal dell’1-1 di Dunk dal VAR per fallo in attacco.
Nella seconda frazione di gioco il Brighton ha la seconda chance di pareggiare dal dischetto. Stavolta cambia il rigorista e si presenta Welbeck ma anche lui colpisce il legno.
Risultato finale: 1-0!

Terzo match di questi anticipi del sabato: Il Leeds del “loco” Bielsa affronta l’Aston Villa.
Gli ospiti cominciano col piglio giusto il match e passano in vantaggio dopo solo 5 minuti di gioco con la conclusione di El-Ghazi che si insacca alle spalle del portiere.
Il Leeds risponde con la conclusione di Tyler Roberts, ma Martinez respinge in corner.
Al minuto 19’ ancora El Ghazi va vicino al goal ma Meslier si supera e respinge in calcio d’angolo
Nella ripresa il Leeds potrebbe pareggiare: cross di Harrison e colpo di testa di Raphina ma la palla termina sul fondo.
Vince l’Aston Villa col risultato finale di 0-1!

Chiude il sabato sera la sfida tra Newcastle e Wolverhampton.
Al 12’ i padroni di casa spingono forte, con la palla che arriva ad Almiron e calcia subito in porta: tiro che però scheggia il palo e termina sul fondo.
Dopo la mezz’ora la prima chance per i “Wolves” con Pedro Neto che, ben servito in area da Traore, incredibilmente calcia fuori.
Il secondo tempo comincia con i padroni di casa con Lascelles che insacca il perfetto cross di Ryan Fraser e fa 1-0.
Ruben Neres al 73’ ristabilisce la parità con un bellissimo colpo di testa.
Ospiti che potrebbero anche vincerla nel recupero col colpo di testa di Fabio Silva, ma Dubravka si supera e devia alto sopra la testa.
La partita termina in parità. 1-1!

La domenica di Premier League

Ad aprire questa domenica sportiva all’insegna della Premier League è lo scialbo 0-0 tra Crystal Palace e Fulham.
Il primo tempo è davvero noioso ed è impossibile trovare una sola conclusione pericolosa da parte delle due squadre.
Il secondo tempo il Fulham prova a vincerla: al 66’ Maja tenta la conclusione dal limite dell’area, ma la conclusione termina larga di poco.
Due minuti dopo è ancora Maja a cercare il goal, stavolta di testa. Guaita però è attento ed evita guai per i suoi.
Scialbo 0-0!

Il primo dei due big match di oggi è quello tra Leicester e Arsenal.
I padroni di casa passano in vantaggio dopo soli 6 minuti grazie a Tielemans che davanti alla porta non sbaglia!
La risposta dei “Gunners” è affidata al colpo di testa di David Luiz che porta il risultato sull’1-1.
Al 45’ grazie alla segnalazione del VAR viene concesso un calcio di rigore agli ospiti che Lacazette realizza e fa 1-2.
Dopo 7 minuti della ripresa l’Arsenal chiude il match con Pepe servito a porta vuota da Willian!
La vetta ora sembra irraggiungibile per il Leicester!

Segue la sfida tra Tottenham e Burnley con gli uomini di Mourinho che demoliscono gli avversari.
Apre le danze dopo solo 2 minuti Gareth Bale che insacca un magnifico cross di Son.
Minuto numero 15 e il Tottenham raddoppia col solito Harry Kane. La sua conclusione viene deviata e spiazza il portiere.
Alla mezz’ora viene calato il tris da Lucas che si avventa su una palla vagante in area e la ribadisce in rete.
Azione quasi fotocopia del primo goal quella che al 52’ cala il poker: Son serve Bale in area che non sbaglia e fa 4-0!
Tottenham che torna a vincere in Premier dopo 2 sconfitte consecutive!

Il secondo big match di giornata vede affrontarsi Chelsea e Manchester United. Ci si aspettava di vivere molte emozioni e tanti goal, ma sotto questo punto di vista ha deluso.
L’unica emozione del primo tempo è al minuto 14‘ quando la punizione di Rashford viene toccata con un braccio da Hudson-Odoi. L’arbitro concede il rigore, ma il VAR lo richiama a rivedere l’azione e cambia la sua decisione. Niente rigore.
La ripresa è più movimentata e i “Blues” iniziano meglio e Ziyech sfiorano il vantaggio. Tiro però largo.
Risponde lo United al 60’ con Greenwood che riceve e calcia di prima intenzione, ma la palla termina di poco fuori.
Dopo 8 minuti Fred ha la palla goal più clamorosa, il suo tiro dal limite sfiora il palo di destra e si spegne sul fondo.
Pareggio che mette in fuga il City e forse ammazza la lotta per la Premier!

Torna finalmente a vincere il Liverpool ma non senza soffrire in casa dello Sheffield United.
Dopo 5 minuti padroni di casa vicino al goal con il colpo di testa di Mc Goldrick, ma Adrian evita il goal.
Dopo pochi minuti rispondono i “Reds” con Firmino che a tu per tu col portiere si fa ipnotizzare dall’estremo difensore e sbaglia.
Ramsdale si ripete alla mezz’ora compiendo una prodezza sulla conclusione di Salah.
Il secondo tempo segna la fine dei padroni di casa.
Al 48’ Jones di testa porta i suoi in vantaggio. Il VAR conferma la regolarità del goal.
L’autogoal di Bryan al 64’ mette fine alle speranze dello Sheffield!

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.