“Dona un giocattolo”: Amazon e Croce Rossa italiana lanciano iniziativa di Natale

dona un giocattolo

Amazon ha donato 2.000 giocattoli alla Croce Rossa Italiana e, fino al 31 dicembre, invita i suoi clienti a fare il possibile per supportare l’iniziativa “Dona un giocattolo”

Un Natale più sereno per tanti bambini in difficoltà, anche a causa della crisi economica dovuta alla pandemia. Fino al 31 dicembre, con l’iniziativa “Dona un giocattolo” si potrà scegliere di inviare un qualsiasi prodotto per i bambini, principalmente giochi, all’indirizzo della Croce Rossa, che penserà a distribuirli attraverso la sua rete.

Per l’occasione, Amazon ha creato una lista dei desideri, all’indirizzo amazon.it/donaungiocattolo, dove poter selezionare l’acquisto che si vuole donare alla Croce Rossa Italiana. Per dare maggiore slancio al programma, il colosso ha contribuito con una spesa iniziale di 15.000 euro a sostegno dell’operazione, oltre ai 2.000 giochi già inviati.

“Siamo fieri di essere al fianco della Croce Rossa Italiana per portare un sorriso alle bambine e ai bambini più in difficoltà – ha dichiarato Mariangela Marseglia, VP & Country Manager Amazon.it e Amazon.es in occasione del lancio del progetto -. “Questa iniziativa è un ulteriore modo con cui rinnoviamo il nostro impegno anche durante il periodo delle feste nel restare vicini alle comunità in cui vivono e lavorano i dipendenti e i clienti”.

Al termine di “Dona un giocattolo”, Amazon donerà a CRI anche il margine ottenuto da tutte le vendite degli oggetti in lista. La compagnia collabora già regolarmente con Croce Rossa Italiana per l’invio di articoli per la cura della persona e la pulizia della casa, disinfettanti e igienizzanti, capi d’abbigliamento sportivo per adulti e bambini, giocattoli e prodotti per l’infanzia, che vengono distribuiti ai bimbi e alle famiglie più colpite dall’attuale crisi economica, su tutto il territorio italiano.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.

Ambasciator