Festa della Musica, la Fanfara dei Carabinieri si esibisce tra le strade di Napoli

L’evento è stato organizzato in occasione del 27° anniversario della Festa della Musica

Si sono esibiti tra le principali piazze della città di Napoli coinvolgendo i numerosi cittadini presenti e le decine di turisti di passaggio. A dare spettacolo, ieri pomeriggio, è stata la Fanfara del 10° Reggimento dei Carabinieri “Campania” in occasione del 27° anniversario della Festa della Musica.

Il percorso musicale dell’Arma è iniziato nel cortile interno dell’Ospedale Vecchio Pellegrini, dove i degenti della struttura, hanno apprezzato le note della Fanfara, affacciandosi alle finestre dei reparti e unendosi al coro dell’inno italiano.

Successivamente, i musicisti dell’Arma, hanno proseguito in Piazza Dante, dove si sono esibiti davanti al Convitto “Vittorio Emanuele”. Anche in quest’occasione, i canti di studenti e turisti hanno fatto da cornice all’intera esibizione delle forze dell’ordine.

Trascinato dall’entusiasmo dei presenti, il tour musicale ha avuto poi seguito in Piazza Salvo D’Acquisto, davanti al monumento intitolato alla celebre Medaglia D’Oro al Valore Militare e recentemente restaurato.

Così, il concerto itinerante si è concluso in bellezza nella Galleria Umberto I. Le note dell’Arma dei Carabinieri si sono intrecciate a quelle suonate dalla Fanfara della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” di Caserta dell’Esercito.

Una cornice magica culminata negli applausi divertiti della cittadinanza.

Presenti all’evento Maurizio Stefanizzi, Comandante della Legione Carabinieri “Campania” Generale di Divisione e Giuseppe La Gala, Comandante Provinciale Carabinieri di Napoli Generale di Brigata Canio. C’erano inoltre, il Dott. Alfonso Basso, Direttore Sanitario dell’Ospedale Vecchio Pellegrini ; il personale medico della struttura e Don Tonino Palmese della Fondazione “Polis”.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.