Fiorello protagonista della quarta serata di Sanremo

Maneskin

Dopo le prime serate un po’ sottotono, Fiorello ha saputo far divertire nonostante l’assenza di pubblico

La quarta serata del Festival di Sanremo si è aperta con un Fiorello dalla folta e lunga chioma vaporosa, ispirandosi a Sabrina Salerno.

Dopodiché la prima parte della serata si è incentrata sulla finale dei giovani, gara vinta da Gaudiano col brano “Polvere da sparo“.

Gli ospiti più importanti della serata sono stati Mahmood, che ha saputo coinvolgere il pubblico da casa con un medley dei suoi successi da lasciare a bocca aperta. Notevole anche la performance di Enzo Avitabile, accompagnato dai suoi percussionisti.

Fiorello e Amadeus sempre più complici

L’ingresso dello showman siciliano è servito anche per preannunciare l’omaggio che avrebbero fatto più tardi (lui e Amadeus) a Sabrina Salerno. Infatti, quest’anno ricorre il trentesimo anniversario dall’uscita di Siamo Donne, celebre brano interpretato da Jo Squillo e Sabrina Salerno, che portarono proprio sul palco del Festival.

Fiorello e Amadeus ancora una volta si sono mostrati complici, soprattutto quando si parla di mettersi in ridicolo. Entrambi sono scesi dalle scale indossando le parrucche, con un evidente elastico che fermava le folte capigliature. Un travestimento quasi improvvisato e poco curato…peccato che non abbiano pensato di vestirsi anche come le due cantanti!

Fiorello protagonista

Il momento sicuramente più divertente è stato quando, durante l’esibizione di Achille Lauro, Fiorello è sbucato travestito in maniera appariscente e ha iniziato a cantare Rolls Royce insieme al cantante.

Intervento che ha messo anche in secondo piano Achille Lauro, nonostante la sua stravaganza e il bacio con Boss Doms.
Fiorello ha, insomma, dominato la scena della quarta serata.

Il fonico complottista colpisce ancora

Il web in questi giorni si è divertito a ironizzare sui problemi tecnici durante le esibizioni, pensando che sia tutto un tentativo di sabotaggio da parte di Morgan.

Nella serata delle cover, Fasma e Nesli avevano dovuto ripetere l’esibizione, mentre Noemi e Neffa avevano fatto una prima parte del brano andando completamente fuori tempo.

Nella serata di ieri, invece, è toccato a Francesco Renga che, anche se aveva portato a termine la performance, ha chiesto di ripeterla.

La classifica e il colpo di scena

Sono state due le classifiche finali fatte: la prima della sala stampa, la seconda costituita dalla somma della classifica della giuria demoscopica e della sala stampa. Ermal Meta resta sempre primo.

Colpo di scena finale: la chiusura della serata era prevista intorno alle 2:40; invece hanno terminato con ben quaranta minuti di anticipo.

PhotoCredits: @sanremorai

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.