Fiorentina – Napoli Femminile: 2 – 0

Fiorentina e il Napoli Femminile, allo stadio “Gino Bozzi”, si incontrano nel match valido per la 13° giornata del campionato di serie A Femminile

Per il Napoli Femminile trasferta difficile ma non impossibile: la Fiorentina non sta attraversando un buon momento, sconfitta domenica dall’Inter in Coppa Italia e tormentata dagli infortuni. Le ragazze di Pistolesi, reduci dalla prima vittoria in campionato nello scontro diretto con il Bari, possono sfruttare un ritrovato entusiasmo.

Gara importantissima in chiave salvezza per le Tartarughine azzurre che, visto anche il risultato del match di ieri tra Pink Bari e Roma, possono allungare il distacco e avvicinarsi al San Marino Accademy, impegnato oggi con il Milan.

Cincotta non ha molta scelta, tra infortuni e virus il tecnico manda in campo i due giovani esterni Monnecchi e Baldi con Sabatino.
Pistolesi schiera il 4-3-3 con il tridente d’attacco formato dalla Hjohlman, Popadinova e la Rijsdijk.
La gara sarà diretta dall’arbitro Mario Perri della sezione Roma1.

Primo tempo di Fiorentina – Napoli Femminile

Fiorentina subito propositiva con Monnecchi, che mette in apprensione la difesa ospite. La catena di destra Thogersen-Monnecchi sembra molto attiva in questo avvio. Anche Vigilucci si fa notare e guadagna un calcio di punizione dalla trequarti. 

Al 6’ minuto la Baldi pennella sulla testa di Adami, che non riesce ad indirizzare verso la porta. Nel Napoli militano due ex viola, il portiere Perez e il difensore Fusini, quest’ultima in prestito fino al termine della stagione. E’ proprio Perez, al 9’ minuto, che agguanta in uscita alta il primo traversone interessante della Fiorentina. Ancora la Perez, in uscita, non si fa sorprendere dalla Thogersen che si inserisce sul cross della Sabatino.

Il gioco della Fiorentina ristagna un po’ in mezzo al campo nel primo quarto d’ora, il Napoli Femminile cerca di alleggerire la pressione ripartendo in contropiede. Al 15’ esce Evdokia Popadinova, dopo il fallo subito da Tortelli, ed entra Federica Cafferata.

Inizia a piovere e il campo diventa pesante. Al 23’, primo vero tiro della Fiorentina di Baldi da fuori area, Perez blocca centralmente. Continua a piovere forte e il pallone comincia a rallentare costringendo le calciatrici a contrasti a volte durissimi

Al 31’ punizione dalla destra di Baldi che scavalca Perez, arriva sul secondo palo Sabatino che deve solo appoggiare in rete. La Fiorentina passa in vantaggio con Daniela Sabatino, al 12° centro stagionale.
Il Napoli prova a reagire, la Fiorentina gestisce bene le palle alte, a maggior ragione con il terreno in condizioni tutt’altro che perfette.

Al 35’ sui piedi della Rijsdijk la palla del pareggio ma l’estremo difensore viola  Schroffenegger si distende e arriva su un tiro molto angolato salvando il vantaggio! Intanto la pioggia non accenna a diminuire, i dirigenti viola in tribuna si chiedono se l’arbitro fermerà l’incontro

Ancora la Schroffenegger al 41’ chiude benissimo lo specchio a Cafferata, che si era ritrovata sola davanti a lei, negandole la gioia del gol. Risponde la Fiorentina con Sabatino! La bomber ruba palla in area e conclude da posizione defilata, trovando solo il fondo.

Il Napoli Femminile ci crede e nel finale di tempo, la Caffereta scatta in profondità, Schroffenegger esce male e l’avversaria prova a sorprenderla, ma non inquadra la porta. Finalmente la pioggia è calata, ma il campo rimane pesantissimo.

Finisce la prima frazione di gioco con la Fiorentina in vantaggio, partita condizionata dal meteo, grazie al guizzo della solita Sabatino e alle parate di Schroffenegger. Napoli pericoloso in un paio di occasioni e molto attento in difesa. 

Secondo tempo

Il Napoli Femminile batte il calcio d’inizio ma è subito pericolosa la Fiorentina la Adami non controlla un cross di Baldi, abile a pescarla sola in area. Non era facile, ma occasione sprecata dal capitano. Al 49’ giallo per Huyhn, che stende la Sabatino sull’out di sinistra. Quinn, trovata in area dalla solita, meticolosa Baldi, incorna a lato.

Raddoppio viola al 57′ minuto, grazie all’autogol della Huyhn che effettua un retropassaggio verso Perez che però stava uscendo verso la palla: la colombiana rimane di sasso, mentre il pallone rotola beffardo in rete per il 2-0.

Al 60’ Mister Pistolesi inserisce Bell, Kubassova e Di Marino al posto di Errico, Huyhn e Rijsdijk.
Al 63’ punizione della Fusini, l’ex viola calcia a fil di traversa dopo un fallo su Kubassova, Schroffenegger alza in angolo con un colpo di reni. Ancora a testa bassa il Napoli Femminile, Kubassova dribbla Zanoli e calcia, troppo debolmente, col sinistro. 

Al 71’ incursione della Cafferata fermata dalla Tortelli. Per la Fiorentina  esce Margherita Monnecchi ed entra Abigail Kim. Al 76’ pericolosa punizione conquistata dalla Baldi.
Ora è la Fiorentina ad attaccare e il Napoli a subire. Pistolesi inserisce Nencioni per Oliviero e passa alla difesa a tre, mentre Cincotta sostituisce Baldi con Clelland.

All’85’ Catalina Perez esce su Cordia! Ottimo intervento alla Garella del portiere ex viola.
La stanchezza si fa sentire, ha smesso di piovere, il campo ha drenato bene ma resta sempre pesante. Tre minuti di recupero in cui il Napoli Femminile ha cercato il gol della bandiera.

La Fiorentina batte il Napoli e conquista la terza vittoria consecutiva in campionato e consolida il quarto posto in campionato. Per Il Napoli Femminile sconfitta amara, dovuta anche alle condizioni del campo ma soprattutto a molte leggerezze in fase difensiva. Sicuramente si vede il gran lavoro di Pistolesi e la grinta delle Tartarughine che hanno lottato fino all’ultimo minuto.

In ottica classifica, la vittoria del Milan per 4 a 1 sul San Marino Academy favorisce la rincorsa del Napoli Femminile, che scenderà in campo il 28 febbraio al Caduti di Brema contro il Sassuolo.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.