Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore tra Shakespeare e Cervantes

La Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore anche per onorare autori quali Cervantes e Shakespeare

La Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore che si celebra è indissolubilmente legata ad alcune significative ricorrenze. Il 23 aprile 1616 è una giornata simbolica per la letteratura mondiale, ed in particolare per quella anglofona e per quella ispanica. In questa data sono accomunati due tra i più grandi geni della letteratura mondiale: Miguel de Cervantes e William Shakespeare. Il primo è morto il 22 aprile del 1616 ma è stato sepolto il giorno successivo, mentre l’inglese è morto il 23 aprile ma del calendario giuliano, allora in vigore nell’Inghilterra Stuart, non del calendario gregoriano, valido per gran parte dell’Europa dell’epoca. La differenza è di dieci giorni in avanti.

Proprio per questo motivo, la Conferenza Generale dell’UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) che si è svolta a Parigi nel 1995 ha proclamato il 23 aprile “Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore“. Un giorno per omaggiare l’importanza e il valore sia dei libri sia dei loro autori.

Dal 2001 viene scelta una città per fungere da Capitale Mondiale del Libro, con eventi che si svolgono per tutto l’anno fino all’evento culmine del 23 aprile. La prima volta è stata scelta Madrid (Spagna), mentre quest’anno è toccato a Guadalajara (Messico). L’Italia ha ospitato i festeggiamenti soltanto nel 2006, a Torino

Ambasciator