Giornata nazionale dei sanitari vittime del Covid

giornata-nazionale-vittime-covid

Lo scorso 3 novembre 2020 è arrivato il via libera definitivo, tramite disegno di legge, all’istituzione della Giornata nazionale dei professionisti sanitari, sociosanitari, socioassistenziali e del volontariato.

Si terrà il 20 febbraio di ogni anno. (13 novembre 2020, n. 155)

Il motivo? Naturalmente per onorare la professionalità, il lavoro, l’impegno e il sacrificio degli operatori sanitari.

L’ok finale arriva dopo il secondo passaggio in Senato in seguito alle modifiche apportate al testo.

Perchè istituire una giornata nazionale?

Istituita per onorare l’impegno, la professionalità, il lavoro degli operatori sanitari e sociosanitari durante la pandemia dovuta al diffondersi del Coronavirus. In una parola: il sacrificio. Proprio questo loro enorme sforzo sarà alla fine riconosciuto e celebrato, da ora anche con una apposita giornata in loro onore.

Sarà considerata solennità civile, ma cio nonostante non determinerà alcuna riduzione dell’orario di lavoro negli uffici pubblici. Le scuole rimarrano comunque aperte (dove consentito)

Numerosi ringraziamenti

Numerosi i ringraziamenti indirizzati alla politica da parte delle diverse unioni sindacali e dei lavoratori per l’istituzione della ricorrenza. Tra questi: il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli, dal Presidente della FNO TSRM PSTRP Alessandro Beux. Ma anche dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) . Quest ultimo aveva esplicitamente richiesto l’estensione della celebrazione a favore di tutto il personale sanitario e sociosanitario.

Un successo per tutti

È considerato un successo da parte di tutte le professioni sanitarie e sociosanitarie; infatti, gli infermieri coprono il 61% delle professioni sanitarie e hanno pagato un prezzo altissimo.

Come riportato da Nurse24.it, l’ultimo decesso comunicato il 10 febbraio 2021 dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Napoli. Questo porta a 80 il numero di infermieri deceduti a causa di Covid-19. A questi si aggiungono i suicidi e i numerosi contagiati, che hanno superato quota 33mila.

Le dichiarazioni di Mangiacavalli

Istituire una giornata nazionale è un atto dovuto. Rende merito ai tanti operatori sanitari impegnati nella lotta a Covid molti dei quali hanno anche contratto il virus. Un gran numero in tutte le professioni, molti sono deceduti; e mai nessuno, nonostante tutto, ha abbandonato un solo istante la prima linea e per questo è giusto che la legge li comprenda davvero tutti“.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.