Gran Bretagna: annunciata stretta contro violenza sulle donne

violenza sulle donne

Boris Johnson annuncia una stretta contro la violenza sulle donne: le denunce sono risultate in forte aumento nel Regno Unito negli ultimi due anni

Il governo britannico del primo ministro Boris Johnson ha annuncia una stretta contro la violenza sulle donne, le cui denunce sono risultate in forte aumento nel Regno negli ultimi anni, in particolare in alcune aree e fra alcune comunità, nonché contro le molestie sessuali.

A rendere effettivo il giro di vite contro la violenza sulle donne, come formalizzato oggi dal vicepremier e ministro della Giustizia, Dominic Raab, saranno due emendamenti presentati dallo stesso esecutivo Tory, in accordo con iniziative promosse dall’opposizione laburista e da alcune deputate bipartisan, alla legge che regola i poteri della polizia in Inghilterra e Galles.

Emendamenti che prevedono di concedere due anni di tempo per poter presentare le denunce su questo genere d’aggressioni, e più sei mesi secondo la scadenza finora in vigore per avere il diritto di veder scattare un’indagine formale in assenza di conseguenze particolarmente gravi per le vittime. Ed elevano al rango di reato penale, punibile con la detenzione in carcere, pure il comportamento di chi riprenda senza permesso immagini di donne che allattano: come già previsto dal codice britannico dal 2019 per il cosiddetto ‘upskirt’, pratica voyeuristica che consiste nello scattare foto o girare video (di solito con i telefonini) sotto le gonne o i vestiti di vittime inconsapevoli.

Il giro di vite arriva sullo sfondo dell’orrore e degli allarmi rilanciati di recente sull’isola dopo una serie di femminicidi. Oltre che della pubblicazione di dati, citati ai media dallo stesso Raab, stando ai quali, nei 12 mesi precedenti all’inizio della pandemia da Covid e ai primi lockdown, si sono contati nel Regno Unito episodi di violenza sulle donne di varia gravità nei confronti di ben 1,6 milioni di donne, con più di 600.000 aggressioni sessuali fisiche o verbali denunciate e più di 900.000 episodi di presunto bullismo.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.

Ambasciator