Green pass falsi su Telegram: oscurati due canali dopo blitz della polizia

green pass

Questa mattina, la Procura Distrettuale di Catania ha disposto il sequestro preventivo di due canali Telegram che proponevano la vendita di Green pass falsi

Non solo la protesta dei portuali nel giorno in cui il Green Pass diventa obbligatorio per i lavoratori di tutta Italia, a tenere banco questa mattina, il sequestro preventivo di due canali Telegram disposto dalla Procura Distrettuale di Catania. I due canali sono stati oscurati poiché pubblicizzavano la vendita di Green pass falsi dietro il pagamento di un corrispettivo in criptovaluta di 250 euro.
Le indagini del compartimento Polizia postale di Catania dopo segnalazioni della Digos della Questura hanno riguardato canali i Telegram “Green Bypass 2.0” e “Vendita Green Pass autentico”, in cui erano iscritti rispettivamente 5.200 e oltre 120 utenti. Il provvedimento è stato già convalidato dal Giudice per le indagini preliminari

Gli esperti della Polizia postale, oltre a verificare il contenuto dei canali, sono riusciti a identificare due persone che partecipavano ai gruppi. Nei loro confronti la Procura ha disposto e perquisizioni domiciliari ed informatiche. Gli investigatori hanno sequestrato smartphone e supporti che saranno analizzati per confermare eventuali responsabilità.

Le indagini proseguono nel tentativo di identificare altri partecipanti. Inoltre, contestualmente alle perquisizioni, la Procura Distrettuale di Catania ha emesso il decreto di sequestro preventivo trasmesso dalla Polizia per l’esecuzione alla società Telegram che ha prontamente provveduto ad oscurare i canali.

La vendita di falsi Green pass non è di per sè notizia nuova. Da mesi la società di sicurezza Check Point Research monitora il fenomeno: il 10 agosto scorso la società aveva scoperto circa 1.000 venditori su Telegram. Ora ne ha individuati 10.000 che offrono certificati falsi di vaccinazione. A livello globale, i prezzi variano normalmente da 85 a 200 dollari americani per ogni certificato. Il prezzo negli Stati Uniti è raddoppiato, da 100 a 200 dollari. E si è diffuso anche il mercato nero dei certificati falsi coinvolgendo 29 Paesi, nove dei quali sono new entry: Austria, Brasile, Lettonia, Lituania, Malta, Portogallo, Singapore, Thailandia ed Emirati Arabi Uniti.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.