Stagione invernale: rafforzare il sistema immunitario con 5 integratori naturali

invernale-stagione

La stagione invernale è sicuramente il periodo nel quale il corpo è più esposto ai continui cambiamenti climatici. E allora, come rafforzare il nostro sistema immunitario?

I cambiamenti climatici a cui siamo sottoposti durante la stagione invernale, possono mettere seriamente a rischi la nostra salute e benessere

Le difese immunitarie sono una risorsa fondamentale, con il quale il nostro corpo ci aiuta a combattere eventuali infezioni. Queste ultime tendono a diminuire con il sopraggiungere di alcune patologie, spesso lo stress, l’alimentazione indatta, l’inadeguato riposo notturno, ma soprattutto il cambio stagionale. Per prevenire ciò bisogna adottare uno stile sano, mangiando frutta e verdura. Quando però tali piccoli consigli non bastano, sarebbe buona abitudine fare uso di integratori.

I rimedi naturali

Quando una semplice tisana, non è sufficiente, possiamo ricorrere a rimedi mirati. In erboristeria sono spesso presenti preparati a base naturale, i quali sono preparati in base alle esigenze di chi ne fa uso. La gamma su cui scegliere è sicuramente molto vasta, ma bisogna prediligere piante come l’Astrogalo (pianta cinese che aiuta il trattamento del raffreddore), la Schisandra (aiuta nel trattamento dello stress), l’Echinacea (usata per combattere raffreddori e sintomi influenzali). Bisogna però segnalare anche sostanze naturali quali la Pappa Reale, la Vitamina C e i fermenti lattici.

Gli integratori per rafforzare le difese immunitarie

Gli integratori sono anche presenti sotto forma di preparato chimico e sono disponibili in farmacia, le marche sono delle più disparate. Bisogna sottolineare che hanno potere di integrare carenze e permettere al nostro organismo di essere più forte. I principali integratori ai quali ricorrere per sostenere il normale funzionamento del sistema immunitario sono vitamina D, vitamina C, selenio, zinco e magnesio. È possibile il loro acquisto mediante libera vendita e naturalmente è bene scegliere un prodotto adatto alle proprie esigenze.

Come affrontare al meglio l’inverno?

Per molti l’inverno, può essere una stagione difficile, date le poche ore di luce al giorno e soprattutto a causa di freddo e piogge. A causa infatti della minor quantità di luce, il nostro corpo ha bisogno di più energie, una colazione è il primo tassello per iniziare al meglio la giornata. Quest’ultima essendo il pasto più importante dovrebbe comprendere circa il 25% del nostro fabbisogno energetico quotidiano. Ottima anche l’attività fisica, non mettere da parte qualsiasi sport, infatti il sopraggiungere dell’inverno potrebbe aumentare la nostra pigrizia!

Che cos’e la SAD?

Purtroppo sono molte le persone che soffrono di SAD (disturbo affettivo stagionale), è una forma di lieve depressione. Quest’ultima sopraggiunge all’inizio del periodo autunnale, lo stress aiuta tale sviluppo che può portare a sintomi permanenti, per tutto il periodo invernale. Questi ultimi sono insonnia, stanchezza mentale e fisica, mancanza di energie, difficoltà di concentrazione, senso di confusione e irritabilità. È una vera e propria categoria diagnostica e il malumore può essere risolto con: attività fisica, non rinunciando alla propria vita sociale. Ma se ciò non bastasse sarebbe meglio rivolgersi ad uno specialista che con l’aiuto di farmaci potrebbe aiutare il diretto interessato.

Sonno e riposo: come riposare meglio

Il sopraggiungere della stagione invernale può anche provocare una strana condizione di insonnia. Per evitare il sopraggiungere di questa fastidiosa condizione, bisogna adottare diverse utili misure. Ad esempio sarebbe preferibile andare a letto presto, predisporre il nostro corpo a una routine, per evitare di stressare il corpo. Per prevenire i cambiamenti fisiologici e la winter depression, bastano poche semplici mosse.

E tu? Come ti comporti durante la stagione invernale?

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.