Instagram e l’algoritmo del 2021

instagram e l'algoritmo

L’algoritmo di Instagram è cambiato: come funziona adesso?

Per chi non lo sapesse, l’algoritmo di Instagram è cambiato e accade frequentemente. Chi usa questo social per lavoro/business avrà notato probabilmente un calo di visualizzazioni, repost, commenti o like. Non è facile capire come funziona un algoritmo, ma si possono adottare strategie per “aggirarlo”. Vediamo cos’è, come funziona e cosa si può fare.

Algoritmo di Instagram

L’algoritmo è una formula matematica, o meglio, una procedura mirata a risolvere una determinata problematica, attraverso l’esecuzione di specifiche istruzioni.
Dopo un’attenta analisi, da mille informazioni verrà selezionata solo una parte che riguarda gli interessi dell’utente. In questo modo, il feed avrà contenuti che possono piacere alla persona.

Gli elementi principali sono sempre stati i like, i commenti, le condivisioni, i salvataggi e le visualizzazioni.
Adesso in ordine d’importanza abbiamo:

  • Salvare i post
  • Condividere
  • Commentare
  • Mettere mi piace

Quindi, poiché i “mi piace” sono futili, per supportare al massimo una pagina la cosa principale da fare è salvare i post.

Come funziona?

Ultimamente l’algoritmo si basa su 6 fattori:

  1. Interesse (cosa ti piace)
  2. Relazioni
  3. Orari di pubblicazione
  4. Accesso
  5. Utilizzo del social
  6. Followers attivi

Interesse

Abbiamo detto che il feed di Instagram si basa sui contenuti che potrebbero interessare l’utente. In pratica, riguarda i profili che segui, ma anche i post a cui hai messo like in passato.

Relazione

Con il nuovo algoritmo, per le relazioni s’intende che il feed prediligerà post di persone con cui si ha a che fare nella vita reale.

In che modo l’algoritmo si muove con le relazioni? Possiamo dire che analizza questi aspetti:

  • A chi hai messo like ed hai mostrato un interesse per i contenuti pubblicati
  • Con chi ti scrivi
  • Che profili cerchi
  • Persone che conosci nella realtà

Orari

L’algoritmo analizza anche a che ora pubblichi i tuoi post.
Il momento migliore è quando la maggior parte dei tuoi seguaci sono online.

Per vedere questi dati, se hai un profilo aziendale, basta andare in dati statistici > periodi di maggiore attività > orari.

Accesso e utilizzo di Instagram

L’algoritmo ora analizza anche gli orari in cui effettui gli accessi.

Se trascorri molto tempo su Instagram, vedrai i post in ordine cronologico (orari di pubblicazione) o contenuti di altri account.
Se invece, passi poco tempo, vedrai solo quello che potrebbe piacerti, oppure quelli che hanno avuto più interazioni in quella giornata.

Followers

Se segui molte persone, vedrai i post di coloro che hanno avuto più interazioni.

Molto spesso persone che ti seguono, non interagiscono con il tuo profilo. Per Instagram sono “ghost follower”, conviene eliminarli poiché sono inattivi.
Da un po’ di tempo c’è una funzione che permette di rimuovere il follow in modo autonomo, senza bloccare o chiedere direttamente alla persona.

Ora che abbiamo visto i post, ci restano le storie, i reel e IGTV.

Storie, reel e IGTV

Probabilmente ti sei chiesto come mai anche se segui tante persone, ti escono al primo posto sempre le stesse e anche pochi minuti dopo che hanno pubblicato. Questo perché l’algoritmo delle storie si basa sugli account con cui interagisci maggiormente.

Quanto detto precedentemente, vale anche per i reel e i video IGTV. Tutto si basa su ciò che potrebbe piacerti.

L’algoritmo di Instagram potrebbe cambiare nuovamente ma, almeno per il momento, ti basterà sapere questo.
Probabilmente ti sembrerà assurdo che l’algoritmo di un social riesca a capire cosa ti piace, invece non c’è molto da stupirsi.
Se vuoi saperne di più in merito a questo argomento puoi approfondirlo qui.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.