Jirama promotore di giovani talenti

Si è tenuta ieri, 3 Marzo 2021, presso la sede Ambasciator, testata giornalistica della società Jirama S.R.L., la cerimonia di celebrazione per ben 13 nuovi talentuosi iscritti all’Ordine dei Giornalisti, sezione Pubblicisti.

Momento ricco di emozioni, tenutosi purtroppo con un pubblico molto ristretto, causa pandemia. Al fianco dei dirigenti della società, era presente il Direttore di Ambasciator, Dott. Raimondo Miele, che si è detto molto orgoglioso dei suoi nuovi collaboratori, definendoli capaci e zelanti.

Sono intervenute, inoltre, le più alte cariche dell’Ordine dei Giornalisti della Regione Campania, nelle persone del Presidente Ottavio Lucarelli, il Vice Presidente Domenico Falco e il Dottor Gianni Russo; costoro, con molto entusiasmo hanno accolto l’invito a presenziare alla cerimonia.

Jirama start up, orgoglio del territorio

È stata sicuramente questa l’occasione per confermare una comunione di intenti ed una proficua sinergia tra l’Ordine e Jirama – start-up innovativa nel settore ICT – molto sensibile alle necessità del territorio, che con il suo amministratore delegato Dott. Stefano Popolo, intende creare una rete di comunicazione e diffusione di informazione che possa coinvolgere un pubblico sempre più variegato.

Queste le fondamenta fissate quindi nell’evento tenutosi ieri: dare uno slancio giovane e vitale ad un territorio che è tutt’altro che arido.
Lo stesso territorio, infatti, è culla di tanti giovani talenti, come quelli presenti ieri; parliamo dell’artista scrittore Davide Gabriele Bianco, che ha presentato il suo libro “Monte Fato”, intervistato dal vivace (e sempre sul pezzo) ed appassionato Mariano Santillo, volto di Ambasciator per la redazione culturale.

La cerimonia si è conclusa con un momento di convivialità ed una visita della elegante struttura situata all’interno della ex Base Nato di Bagnoli.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.