La finale dei rimpianti. JUVENTUS – NAPOLI 2-0

64′ Ronaldo, 95′ Morata

Reggio Emilia, il Mapei Stadium apre le porte alla sfida tra due storiche rivali, Juventus Napoli. In palio, il primo trofeo della stagione.

Avversari nella finale di Supercoppa Italiana, gli allenatori di Juventus e Napoli hanno condiviso oltre dieci anni da compagni al Milan e in Nazionale. Indimenticabili gli scherzi di Andrea a Rino e le tante vicende che li hanno resi i “Bud Spencer e Terence Hill del calcio”, come lo stesso Ringhio ama dire.

Gattuso conferma le ipotesi della vigilia e manda in campo Petagna come terminale offensivo. Dietro di lui Lozano, Zielinski e Insigne. A centrocampo Bakayoko e Demme.
Pirlo recupera Cuadrado, negativo al Covid, e lo manda in campo dal 1′. In avanti confermata la presenza di Kulusevski con Cristiano Ronaldo. A metà campo gioca McKennie.

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, Chiellini, Danilo; Chiesa (46′ Bernardeschi), Arthur, Bentancur (83′ Rabiot), McKennie; Kulusevski (83′ Morata), Cristiano Ronaldo. 
All. Pirlo.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui (83′ Llorente); Bakayoko (67′ Elmas), Demme (83′ Politano); Lozano, Zielinski, Insigne; Petagna (72′ Mertens). 
All. Gattuso.

Ammoniti: Ronaldo, Zielinski

Primo Tempo Juventus Napoli

3′  Partenza intensa per entrambe le squadre che si mostrano molto aggressive specie a centrocampo.
6′ – Primo tentativo del Napoli che, dagli sviluppi di un calcio angolo battuto da Mario Rui, ci prova con Manolas: il suo colpo di testa finisce alto sulla traversa.
7′  La Juventus reagisce con un’azione personale di Cristiano Ronaldo che salta un avversario e scarica il suo destro che viene deviato in angolo.
9′ Ancora la Juve che prova a ripartire negli spazi concessi dal Napoli, lo fa con Kulusevski, poi arriva Arthur a rimorchio e, di prima, la butta alta.
17′ – Il Napoli cerca spazi sulla destra: Di Lorenzo riesce a servire un buon pallone a Petagna che, però, colpisce male di testa.

21′ – Buona occasione per gli azzurri: Insigne su calcio di punizione da posizione favorevole mira la porta, ma la conclusione è troppo debole e centrale e Szczesny para senza problemi.
22′  La Juve crea un pericolo nella propria area: Szczesny e Danilo rischiano di ostacolarsi tra loro e favorire Petagna, la difesa bianconera salva.
28′Prosegue il momento di studio: le due squadre si temono e fino a questo momento hanno mostrato equilibrio e intensità, tanta attenzione difensiva e possesso palla sterile.

29′ Occasione per il Napoli con Lozano che va a ricevere un cross dalla sinistra, punta la porta, ma Szczesny è prontissimo.
37′ Prova a rispondere la Juventus con un pressing che frutta solo un paio di calci d’angolo.
40′Cristiano Ronaldo, dalla distanza, rientra sul destro e calcia a giro, ma la palla è alta.
45′ Finisce senza recupero la prima fase dell’incontro. Lo 0-0 racconta correttamente la prestazione delle due squadre.

Secondo Tempo Juventus Napoli

Alla ripresa, primo cambio per Pirlo. Esce Chiesa, entra Bernardeschi.
46′ – Il neo-entrato Bernardeschi sfrutta un cross di McKennie e va vicinissimo al gol, la deviazione viene parata sulla linea di porta da Ospina.
48′ Gli azzurri si fanno pericolosi con Lozano che mette un pallone in mezzo buono per Demme che tenta la conclusione, ma la palla viene deviata e finisce sul fondo.
55′ Juventus in attacco: Cristiano Ronaldo va a contrasto con Ospina e lo anticipa di un soffio, ma la palla finisce sul fondo.
60′ Continua il pressing bianconero: altro tentativo dalla distanza di Ronaldo, ma Ospina c’è.

64′ Sempre Ronaldo che crossa un pallone teso in area, interviene Manolas al limite dell’autogol, palla in angolo.
64′ Ancora Ronaldo: sugli sviluppi dell’angolo battuto dalla sinistra, la palla carambola su Koulibaly e arriva tra i piedi del portoghese che da due passi batte Ospina. Juve in vantaggio. 1-0.
67′ Gattuso corre ai ripari: entra Elmas, esce Bakayoko.
72′ Entra Mertens, esce Petagna.
74′ Ammonito Cristiano Ronaldo.

77′ Proteste del Napoli per un presunto fallo di McKennie su Mertens. ON FIELD REVIEW.
L’arbitro Valeri concede il calcio di rigore in favore del Napoli.
80′ Insigne sul dischetto. Il capitano spiazza Szczesny, ma manda la palla fuori! Occasione sprecata per il Napoli. Gattuso continua a incitare i suoi ragazzi.
83′Doppio cambio per i bianconeri: entrano Morata e Rabiot, escono Bentancur e Kulusevski.
83′ Il tecnico partenopeo tenta il tutto per tutto: entrano Politano e Llorente, escono Demme e Mario Rui.

Napoli super-offensivo. Tutti gli attaccanti in campo.
89′ Giallo a Zielinski per fallo su Ronaldo.
90′ Cinque minuti di recupero.
94′ Il Napoli prova a cercare disperatamente il pareggio, ma Szczesny, con un intervento miracoloso, riesce a parare una conclusione di Politano da pochi passi ed infrange i sogni azzurri.
95′ Sono saltati tutti gli schemi. Ma la Juve chiude la partita. Gol di Morata. 2-0.
Fine dei giochi.

Napoli sconfitto 2-0 dalla Juve al Mapei. Primo tempo equilibrato. Cambiano i ritmi nella ripresa e Ronaldo sfrutta un corner per battere Ospina da pochi passi.
La squadra di Gattuso mostra timidezza e poi spreca la chance del pareggio sbagliando, con Insigne, un calcio di rigore accordato per un fallo di McKennie su Mertens.
Allo scadere dei minuti di recupero, Morata raddoppia e chiude la partita.

Il tecnico azzurro non condanna la sua squadra e giustifica gli errori dei suoi ragazzi, ma nei suoi occhi affiora il rimpianto.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.