Miss, mia cara Miss….

Intervista a Erennio De Vita, presentatore Miss Italia Campania

Miss Italia Campania raccontata da Erennio De Vita

Erennio De Vita, giornalista con la passione per la cronaca sportiva, conduttore televisivo, showman, docente di dizione, di storia della televisione e tecniche audiovisive.

Il suo volto è però è indissolubilmente legato al concorso di bellezza per eccellenza, Miss Italia, di cui è il presentatore ufficiale da ormai trent’anni, nelle selezioni regionali in Campania attraverso cui si eleggono le reginette che approderanno alle finali nazionali.

Il 16 maggio la carovana di Miss Italia prenderà il via da Bacoli e poi continuerà il suo giro, in ogni angolo della regione, a caccia delle bellezze più rappresentative per sperare di portare il titolo in Campania, vinto l’ultima volta dalla napoletana Zeudi Di Palma nel 2021.

Miss
Miss

Erennio, trent’anni sono una vita, com’è iniziata la tua collaborazione con Miss Italia?

Correva l’anno 1994 quando Antonio Contaldo, agente di Miss Italia in Campania, cercava un presentatore per il Concorso. Ci incontrammo ad Aversa e scoprimmo di esserci già conosciuti una decina di anni prima durante la finale di un altro concorso di bellezza e per una decina di anni c’eravamo persi di vista. Così iniziammo a collaborare e dal 1994 non mi sono più fermato presentando ininterrottamente per 30 anni le selezioni e le finali regionali in Campania e Basilicata“.

Quante ragazze ha visto sfilare dal 1994 ad oggi?

Credo di aver battuto ogni record. In 30 anni di attività ho presentato circa 50.000 ragazze. Una città di bellezza“.

C’è una ragazza che ti è rimasta nel cuore, al di là del concorso?

Con alcune di loro sono rimasto in ottimi rapporti, tra tutte ricordo in modo particolare le ragazze che dopo aver partecipato al concorso sono diventate famose, come la cantante, attrice e conduttrice Serena Autieri (Miss Wella Campania 1994), la regina delle fiction Christiane Filangieri (Miss Campania 1997 e 3° posto alla finalissima di Salsomaggiore Terme), la presentatrice di Raiuno Caterina Balivo (Miss Moda Mare Campania 1999 e terza classificata alla finalissima nazionale), l’attrice e annunciatrice televisiva RAI, Dalila Pasquariello (Miss Campania 2011), le veline di Striscia La Notizia Ludovica Frasca (Miss Campania 2012) e Anastasia Ronca (Finalista regionale nel 2018) e, ovviamente, la Miss Italia 2021 Zeudi Di Palma di Scampia“.

Il tuo è un ruolo delicato perché il concorso non è solo quello che si vede sul palco durante le serate, è fatto di rapporti di amicizia con le ragazze che spesso condividono con te ansie, paure e vicende personali

Il rapporto che si instaura con le ragazze è davvero speciale. Un’amicizia basata sul rispetto, sull’educazione, sulla condivisione e sulla fiducia. A volte capita di incontrarle per strada o a qualche evento e allora la storia della loro vita continua ad essere narrata tra episodi tristi o gioiosi“.

La bellezza nel tempo è cambiata, le ragazze di oggi sono diverse da quelle che partecipavano al concorso 30 anni fa?

I tempi cambiano e le mode si evolvono. Oggi nell’era dei social le ragazze amano piacere prima di tutto a loro stesse e poi al ragazzo di turno. Curano maggiormente il loro aspetto. Sono diventate “manager” di sé stesse e vogliono essere ascoltate“.

Che tipo di ragazza cercate per rappresentare la Campania? Esiste l’identikit della Miss perfetta?

La Miss perfetta non esiste. Le vincitrici però, come ha spesso ribadito la patron Patrizia Mirigliani, devono rappresentare il cambiamento e dimostrare il loro talento, in modo da mettersi in gioco attraverso molteplici attività. La bellezza dovrà essere sempre accompagnata dal talento e dallo studio. Una ragazza che guarda oltre la realtà e che unisce la grazia alla sensibilità, rivelando i pregi senza gli eccessi, dimostrando naturale garbo nella forma e nei modi“.

Il tema dell’anoressia è purtroppo sempre attuale specie in contesti in cui il corpo è al centro dell’attenzione. Dal punto di osservazione certamente privilegiato, come consideri il rapporto di queste ragazze con il loro aspetto?

L’attualità ha sempre soffiato come un vento impetuoso su Miss Italia e Patrizia Mirigliani è sempre stata sensibile alle varie urgenze che purtroppo colpiscono il mondo giovanile. E così nel corso degli anni sono stati creati alcuni importanti eventi per combattere l’anoressia e la violenza sulle donne“.

C’è rivalità tra le ragazze che partecipano al concorso? Come vengono gestiti i rapporti tra loro?

Il rapporto tra le ragazze in gara è sempre basato sul rispetto e su una rivalità sana. Miss Italia continua ad essere per molte ragazze il gioco più divertente e simpatico dell’estate. Molte di loro che si incontrano per la prima volta nelle varie selezioni diventano poi amiche“.

Nel 2024 festeggi 30 anni di attività con Miss Italia. Che sensazioni provi?

L’edizione di quest’anno è davvero speciale per me. Festeggio i miei primi 30 anni di puro e sano amore con il concorso. Migliaia e migliaia di km macinati, centinaia e centinaia di città raggiunte, milioni di spettatori. E poi le 50.000 ragazze presentate. Insomma un’avventura emozionante, strabiliante e stupefacente“.

Se dovessi chiedere un regalo speciale per questo compleanno artistico, cosa desidereresti ricevere dalla manifestazione?

Coltivo da anni un sogno: rivedere le 50.000 ragazze presentate. Ho sempre pensato, come si fa con le auto e le moto, ad un raduno speciale dedicato interamente a tutte le concorrenti da me presentate a Miss Italia. Uno straordinario evento che solo uno stadio potrebbe accogliere e ospitare“.

Print Friendly, PDF & Email
Ambasciator