Napoli, Cappella Pignatelli porta di accesso per progetto Unesco

Cappella Pignatelli

Il comune di Napoli candida la Cappella Pignatelli come porta d’accesso per il Grande Progetto Centro Storico Unesco

La chiesa napoletana di Santa Maria Assunta dei Pignatelli, meglio conosciuta come Cappella Pignatelli, è stata visitata recentemente dai rappresentanti della Commissione Europea. La visita è motivata dalla decisione dell’amministrazione comunale partenopea di candidare il luogo di culto a porta d’accesso per il Grande Progetto Unesco per il Centro Storico di Napoli.

La Cappella Pignatelli tra Passato, Presente e Futuro

La chiesa, ubicata in Largo Corpo di Napoli (alla fine di via Nilo), è stata realizzata nel XIV secolo da un ramo collaterale dei Pignatelli, di Toritto, con la funzione di cappella privata annessa al proprio palazzo. Nel corso del tempo, il luogo di culto è stato ampliato e restaurato nel 1477 e nel 1736.

Vi sono custodite opere di importanti artisti, tra i quali una scultura dello spagnolo Bartolomé Ordóñez e affreschi del pittore Fedele Fischetti

Dagli anni ’90 la cappella è stata donata dall’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa”, che dopo più di 50 anni ha riaperto la chiesa (giugno 2018) grazie al restauro operato dal corso di studi in Scienze dei Beni Culturali

Proprio dalla Cappella Pignatelli, finalmente adibito ad un uso pubblico (è sede della “Cattedra permanente di Culture d’Europa“), partiranno una serie di “attività culturali e turistiche per la valorizzazione del Centro Storico” che il Comune di Napoli vuole realizzare in sinergia con la Regione Campania e le Università partenopee. 

paradosso-napoli-incivilta-civilta
Veduta di Napoli

27 interventi per Grande Progetto Unesco Centro Storico di Napoli

Il Centro Storico di Napoli è Patrimonio Unesco dal 1995, grazie ad una concentrazione altissima di punti di interesse storico-artistico. Il Comune di Napoli vuole portare a compimento i 27 interventi che sono stati ideati nell’ambito del Grande Progetto Unesco Centro Storico partenopeo. Lavori che interessano luoghi iconici per la città come il Complesso dei Girolamini o il Complesso dei Santi Severino e Sossio

Una grande opera di rinnovamento e rivitalizzazione di un Centro Storico che può e deve essere il perno di uno sviluppo economico e sociale che riguardi tutta Napoli, comprese le periferie che tanto possono offrire come ricettività turistica, e non solo. 

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.

Ambasciator