Napoli Femminile – Hellas Verona finisce 1 – 2

cause-morte-Maradona

Il Napoli Femminile non riesce a trovare ancora la vittoria in questo campionato. L’Hellas Verona invece arriva a 10 punti e si allontana dalla zona retrocessione

Tutto pronto allo stadio “Caduti di Brema”  per il match odierno valido per la decima giornata del Campionato di Serie A Femminile, l’ultima partita per le squadre del 2020. Le due compagni si schierano a centrocampo per osservare un minuto di raccoglimento in memoria di Paolo Rossi, scomparso in settimana.

E’ la prima volta che Napoli Femminile e Hellas Verona si incrociano in Serie A. Il Verona ha perso sei delle ultime sette trasferte in questo campionato, il Napoli Femminile, considerando il 3-0 a tavolino contro l’Inter, ha collezionato solo un punto in nove giornate.  

Primo tempo, tante occasioni per il Napoli Femminile, ma è l’Hellas Verona a trovare il gol del vantaggio

Parte all’arrembaggio l’Hellas Verona, ma la  prima vera occasione è del Napoli Femminile con la Rjisdjik, che all’ottavo minuto crossa al centro, ma non c’è nessuna compagna pronta a raccogliere.    
Al 13’ la Papadinova subisce fallo e conquista una punizione da buona posizione che la Beil, però, spreca calciando fuori dallo specchio della porta scaligera. Al 20’ ottima punizione anche per l’Hellas, Sara Mella non trova lo specchio della porta ma si accontenta del corner.

Al 24’ la capitana del Napoli Femminile esce dal campo zoppicando, al suo posto entra la Capparelli. Al 29’ è Pia Rijsdijk a provarci ancora con un tiro nello specchio che però viene respinto della difesa. Al minuto 31’, doccia fredda per le “Tartarughine”, la numero 11 dell’Hellas Asia Bragonzi, si scarta tutta la difesa azzurra e porta la sua squadra in vantaggio.

Il Napoli reagisce subito prima con la Rijsdijk, poi con la Popadinova ma entrambe non trovano la conclusione giusta. Al 43’ la Rjisdjik prova a beffare le scaligere ma il direttore di gara segnala un fuorigioco, piuttosto dubbio, la Popadinova, nel primo minuto di recupero, calcia un tiro potente ma la Durante le nega ancora una volta il gol.

Secondo tempo, ancora un rigore

I secondi 45 minuti sono una vera altalena di emozioni, con il Napoli che  prova a trovare il pareggio mentre l’Hellas attende per colpire. Al 53’ doppio cambio nel Napoli Femminile, Mister Marino sostituisce la Jansen e la Hjohlman, al loro posto entrano la Nocchi e la Goldini.

Ma al 59’ su una ripartenza, viziata da un fallo nettissimo che l’arbitro non vede, l’Hellas si procura un calcio di rigore. La Bragonzi dal dischetto trasforma, spiazzando la Perez e segnando la sua personale doppietta.
Il Napoli Femminile continua ad attaccare e al 73’ con la Popadinova, gran colpo di testa, accorcia le distanze e riapre la partita.

Le ragazze azzurre non mancano certo di volontà e voglia di far bene e creano altre tre nitide occasioni da gol ma, purtroppo, il match si chiude sul 1 a 2.  
L’Hellas, con la vittoria odierna si allontana dalla zona retrocessione, il Napoli Femminile resta ultimo in classifica.  
Anno nuovo, vita nuova. Forza ragazze!