Napoli Femminile – Milan finisce 1 a 2

Dopo venti giorni di pausa, torna la Serie A Femminile. Ad aprire la settima giornata è la sfida tra Napoli e Milan. Allo stadio ‘Caduti di Brema’, le azzurre cercheranno di conquistare i primi punti in campionato

Napoli Femminile – Milan: compito non facile contro le rossonere di Ganz, che proseguono la loro rincorsa ai primi due posti della classifica e che non subisce gol in trasferta da cinque gare.

“Proveremo a fare di necessità virtù, anche se usciamo da due settimane estremamente complesse”, così Peppe Marino, allenatore del Napoli Femminile, presenta la sfida di domani alle ore 12.30 al Caduti di Brema, a porte chiuse,  contro il Milan.

“Avremo di fronte un grande avversario ed una grande ex come Valentina Giacinti, continua il tecnico azzurro, e tenteremo di compiere un’impresa in virtù delle condizioni particolari nelle quali abbiamo preparato la gara, più in videoconferenza che sul campo.

La gara sarà diretta dall’arbitro Simone Galipò della sezione di Firenze

   
Il Napoli Femminile ben disposto in campo nei primi minuti di gioco.
Al 15’ minuto, rigore per il Milan per un tocco di mani della Kubassova sulla punizione calciata dalla Tucceri. Milan in vantaggio. Quinto gol di Valentina Giacinti, ex di turno, che spiazza il portiere Catalina Perez e porta in vantaggio le rossonere.

Il Napoli Femminile continua a buttarsi in avanti senza remore, al 18’ prima conclusione verso la porta del Napoli: Nencioni manda alto.     
Partita molto fisica, primo giallo per la Nocchi per un intervento pericoloso su Korenciova.

Al 29’ il Napoli Femminile vicino al pareggio sul cross della Nocchi la Hjohlman colpisce di testa ma la palla finisce alta sulla traversa.   
Napoli sicuramente vivo a dispetto del risultato e delle tante assenze.      
Al 35’ la Vitale ferma la ripartenza del Napoli: giallo inevitabile per lei.

Al 40’ regalo della difesa partenopea, doppio miracolo della Perez, prima Rinaldi e poi Giacinti calciano addosso al portiere partenopeo che salva la porta.

Il secondo tempo ricomincia con il Milan in attacco

Ancora Catalina Perez con una gran parata su tiro al volo della Rask a negare il raddoppio del Milan. Buona la reazione del Napoli, a cui manca solo il gol del pareggio.  
Al 54’ è il Milan su azione insistita a raddoppiare, la Giacinti sigla la sua seconda doppietta, la prima siglata con la Pink Bari.
Milan più tranquillo dopo il raddoppio.

Al 56’ entra la Bei al posto della Kubassova, Mister Ganz risponde con un doppio cambio, la Dowie sostituisce la  Salvatori Rinaldi e la Kulis entra al posto della Rask.

Al 66’ ancora il Milan in attacco, filtrante di Grimshaw per Giacinti, ma è tempestiva l’uscita bassa di Perez.  
Al 72’ dentro Cameron per Hjohlman. Il tecnico azzurro le prova tutte per riaprire la partita. Il Milan dal canto suo controlla abbastanza agevolmente.

Al 78’ la Dowie ha un’ottima palla per chiudere la partita, ma viene murata al momento del tiro dalla Perez.

Opportunità per le azzurre all’83’ tentativo della Goldoni che subisce fallo al momento del tiro, calcio di rigore e espulsione per doppio giallo la Vitale. Dal dischetto la stessa Goldoni con un tiro secco alla sinistra dell’estremo difensore del Milan, accorcia le distanze e riapre la partita.

Ganz corre ai ripari e puntella la difesa, ingresso all’86’ della  Spinelli per Grimshaw. Merito al Napoli per averci sempre creduto, anche sotto di due goal. Il Milan che cerca di far passare il tempo, mentre il Napoli Femminile cerca di acciuffare il pareggio.     

4 i minuti di recupero, Milan tutto chiuso in difesa del risultato.        
Finisce con la vittoria del Milan che vola a 18 punti in classifica e aggancia momentaneamente la Juventus Woman in testa alla classifica. Il Napoli Femminile resta ultimo in classifica a 0 punti.  

Applauso meritato per le azzurre all’uscita.     

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.

Ambasciator