NapoliCittàLibro: torna il Salone del Libro napoletano

NapoliCittàLibro: torna il Salone del Libro napoletano dal 1 al 4 luglio a Palazzo Reale in Piazza Plebiscito. A Napoli si riparte dai libri

Dopo un lungo periodo di fermo anche l’editoria riparte. A Napoli torna uno degli eventi più attesi dai lettori partenopei: NapoliCittàLibro.

Ad ospitare il progetto, che vede l’obiettivo di promuovere l’intera filiera del libro, in particolare il circuito napoletano, è il Palazzo Reale sito in Piazza Plebiscito.

Un calendario ricco e molto ambizioso, che coinvolge non solo la città di Napoli, ma anche le provincie, con eventi disseminati su tutto il territorio.

Promossa e finanziata dalla Regione Campania, la Fiera del Libro di Napoli quest’anno ha come tema “Passaggi”.
La scelta è stata fortemente dettata dal periodo pandemico vissuto da tutto il mondo e che tutt’ora l’uomo contemporaneo sta affrontando.

Testimonial della terza edizione della manifestazione avrebbe dovuto essere lo scrittore cileno Luis Sepúlveda, venuto a mancare proprio a causa del Covid lo scorso anno.

Il Salone gli renderà omaggio aprendo la giornata del 1 luglio proprio con una dedica ed un incontro speciale riservato proprio ai suoi romanzi.

Oltre al percorso attraverso stand di case editrici che saranno allestite all’interno dello spazio del Palazzo Reale, ci saranno anche attività e workshop.

Non mancheranno spettacoli, musica ed arte che accompagneranno la manifestazione attraverso una città che fa della cultura e dell’amore per i libri il suo vessillo.

Inoltre, l’intero programma sarà accessibile da ogni parte d’Italia grazie alla presenza del Salone nel mondo digital.

NapoliCittàLibro: la nascita di un progetto ambizioso

NapoliCittàLibro è arrivata alla sua Terza edizione. Nasce nel 2017 dall’idea di tre editori campani con la volontà forte di riportare il Salone del Libro e dell’Editoria a Napoli.

Quando abbiamo cominciato il nostro viaggio, non pensavamo che ci avrebbe portato così lontano in così breve tempo.

Associazione Liber@rte

Dario Guida, Rosario Bianco e Alessandro Polidoro, mossi soprattutto dalla consapevolezza dell’urgenza che c’era di riportare al centro del dibattito culturale proprio il libro in una terra, quella napoletana, crocevia di culture, decidono così di dar vita alla prima edizione di NapoliCittàLibro.

Un successo clamoroso, sperato certo, ma non immaginato dagli ideatori che, forti del riscontro positivo da parte dei partenopei, “alza l’asticella”, portando nel 2019 la Seconda edizione del Salone a Castel Sant’Elmo.

Siamo ripartiti da qui, dalla consapevolezza di una esigenza che si faceva sempre più urgente, per riportare Napoli al centro del dibattito sulla cultura e sulle culture. Siamo ripartiti dall’orgoglio di una regione che non si è mai sottratta, e non si deve ancor più sottrarre, ai confronti.

Associazione Liber@rte

Seconda edizione che consolida e rafforza la consapevolezza che è proprio la città di Napoli a volere il Salone, a volere che si torni a discutere di libri. Perché è con i libri che si riescono a veicolare stati d’animo, esperienze, consapevolezze e timori che rendono tutti parte di una unica grande comunità: l’umanità.

Cosa aspettarsi dunque da questa Terza edizione? Sicuramente la possibilità per i lettori di creare discussione, condivisione intorno a temi di attualità che fanno paura e che forse solo la letteratura può esorcizzare.

Buon Salone!

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.