Novità in libreria a maggio 2022

Novità in libreria a maggio 2022

Novità in libreria a maggio 2022. Da Zucchero bruciato di Doshi al nuovo romanzo di Valeria Perrella, quali libri recuperare questo mese in libreria

Il mese di maggio è di consueto per il settore culturale un periodo molto ricco. Da eventi artistici a nuove aperture (es. la notizia della prossima apertura della Galleria d’Italia a Napoli), da fiere pop a quelle letterarie, la “scena” brulica di novità succulente da non perdersi.

Tra le novità ci sono di sicuro le uscite in libreria di autori attesissimi e quindi da non lasciarsi scappare.

Ecco dunque una breve ma ricca selezione di tutti i libri in uscita a maggio 2022.

1. Zucchero bruciato Avni Doshi

Finalista al Booker Prize 2021, esce il 2 maggio 2022 anche in Italia l’esordio esplosivo di Avni Doshi “Zucchero bruciato”.

Si seguono le vicende di Tara, una donna caparbia e ribelle che, costretta a un matrimonio di convenienza, decide di scappare di casa.

Da questo momento in poi Tara vive molte vite o forse inizia a fare le esperienze più disparate per capire fino in fondo di “che pasta è fatta”. Decide infatti di intraprendere diverse storie d’amore, frequentare per un certo periodo un guru e ad un certo punto “provare” sulla propria pelle la vita da mendicante di strada.

Una protagonista respingente che non nasconde di vivere il rapporto con sua figlia Antara, come un peso, come “una valigia da portarsi appresso e poco più”.

La narrazione subisce un brusco giro di boa per condurre il lettore ad una Tara ormai sessantenne alle prese con l’Alzheimer che la sta consumando.

Una seconda parte di narrazione asfissiante in cui: il fornello acceso per tutta la notte, lo smarrimento nelle incombenze quotidiane, le telefonate ostinate ad amici morti da tempo si mescolano ad una “missione” quasi masochistica di Antara.

Antara, l’altro personaggio femminile della storia è una donna che “si sente in dovere di occuparsi di quella madre che non si è mai presa cura di lei. E così, mentre la convivenza forzata la induce a ripercorrere le pagine più dolorose del suo passato, cerca di sbrogliare la matassa di tradimenti, riconciliazioni e rotture, e di sciogliere una volta per tutte il nodo di quel legame che ha forgiato il suo cammino, ma che adesso rischia di soffocarla.”

Tra le novità in libreria per questo maggio 2022 vi è anche il nuovo romanzo di Valeria Perrella “La fortuna”.

2. La fortuna Valeria Perrella

Autrice apprezzatissima e seguita da schiere di lettori e lettrici, arriva in libreria il 5 maggio 2022, il nuovo romanzo di Valeria Perrella “La fortuna”.

Ma che cosa racconterà questa volta la scrittrice e perché quest’ultimo lavoro potrebbe rappresentare una nuova chiave di volta nella narrativa di Perrella.

Il lettore seguirà le vicende di Lucio un ragazzo di soli diciassette anni che vive a Pompei ai tempi dell’eruzione del Vesuvio. Con lui una schiera di personaggi che da mercanti a banchieri, da matrone a imperatori, da schiavi a prostitute, concorreranno a rendere questa prova narrativa di Perrella un nuovo punto di svolta nella sua produzione letteraria.

Nascosta dalla coltre rovente c’è infatti Pompei, la città che ha visto nascere Lucio e i suoi sogni, dove ancora vivono sua madre, la balia, gli amici d’infanzia, dove ha imparato tutto ciò che gli serve, adesso, per far parte della flotta imperiale a dispetto del suo occhio cieco – anzi, proprio grazie a quello, che gli permette di vedere più degli altri, perché “un limite è un limite solo se uno lo sente come un limite, sennò non è niente”. E mentre Lucio tiene in mano, per quanto la Fortuna può concedere, il filo del suo destino, ecco che Pompei torna a lui presente e più che mai viva, nel momento in cui sembra persa per sempre, attraverso i giochi con le tessere dei mosaici, i pomeriggi trascorsi nei giardini o nelle palestre, le terme, il mercato, i tuffi in mare e le gite in campagna, le scorribande alla foce del fiume. La sua intera giovinezza gli corre incontro irrimediabilmente perduta, eppure – noi lo sappiamo – in qualche modo destinata a sopravvivere.

Altro ritorno in libreria tra gli scaffali novità maggio 2022 è rappresentato da un’ormai navigato Dicker che “tira fuori dal cappello” lo scrittore perduto tra le pagine del suo successo internazionale: Harry Quebert.

3. Il caso Alaska Sanders


Il lettore verrà catapultato nell’ “Aprile 1999, Mount Pleasant, New Hampshire. Il corpo di una giovane donna, Alaska Sanders, viene ritrovato in riva a un lago. L’inchiesta viene rapidamente chiusa, la polizia ottiene le confessioni del colpevole, che si uccide subito dopo, e del suo complice. Undici anni più tardi, però, il caso si ripresenta. Il sergente Perry Gahalowood, che all’epoca si era occupato delle indagini, riceve una inquietante lettera anonima. E se avesse seguito una falsa pista? L’aiuto del suo amico scrittore Marcus Goldman, che ha appena ottenuto un enorme successo con La verità sul caso Harry Quebert, ispirato dalla loro comune esperienza, sarà ancora una volta fondamentale per scoprire la verità. Ma c’è un mistero nel mistero: la scomparsa di Harry Quebert. I fantasmi del passato ritornano e, fra di essi, quello di Harry Quebert.”

Per tutti coloro che attendevano un bel “thriller” con cui passare questo periodo – a cavallo tra primavera/estate – la data da segnare è dunque quella del 23 maggio 2022.

Altra grande scrittrice in libreria a partire dal 10 maggio 2022 è Elisabeth Strout.


4. Oh, William! Elisabeth Strout


Tutto ciò che occorre sapere del volume “Oh William!” è che torna la protagonista di “Mi chiamo Lucy Barton”.

Se dunque, nel volume sopracitato, il lettore inizia a conoscere Lucy Barton attraverso il difficile racconto del rapporto fra quest’ultima è la madre, in questo nuovo romanzo della Strout Lucy “vorrebbe dire alcune cose sul suo primo marito, William“.

Esordisce così infatti “una Lucy Barton sessantaquattrenne aprendo questo capitolo della sua storia, e nell’immediatezza del suo proposito s’intuisce il lavorio di riflessioni a lungo maturate.”

La trama in effetti non lascia alcun dubbio sulla tipologia di argomenti trattati in questo romanzo da Elisabeth Strout.

Come del resto c’è da ribadire che questo romanzo può essere letto anche senza aver recuperato “mi chiamo Lucy Barton” proprio perché all’interno di questo volume si affronterà comunque una “nuova” Lucy.

Sono passati decenni infatti, da quando Lucy, convalescente in un letto di ospedale, aspettava la visita delle sue bambine per mano al loro papà; decenni da che, con pochi vestiti in un sacco dell’immondizia, lasciava quel marito tante volte infedele e si trasferiva in una nuova identità.

In “Oh William!” Lucy è ormai un’autrice di successo, benché ancora si senta invisibile, con le figlie ormai adulte ha un rapporto vitale e premuroso, e da un anno piange la scomparsa del suo adorato secondo marito, David, un violoncellista della New York Philharmonic Orchestra, nato povero come lei.

William di anni ne ha settantuno, è sposato con la sua terza moglie, Estelle, di ventidue anni piú giovane, e la sua carriera di scienziato sembra agli sgoccioli.

Tanta vita si è accumulata su quella che lui e Lucy avevano condiviso.

Perché dunque William? Perché tornare a quell’uomo alto e soffuso d’autorità, con una faccia «sigillata in una simpatia impenetrabile» e un cognome tedesco ereditato dal padre prigioniero di guerra nel Maine? Corrente carsica che scorre silente per emergere in imprevedibili fiotti di senso e sentimento, questo matrimonio è ricostruito per ricordi apparentemente casuali – una vacanza di imbarazzi alle Cayman, una festa tra amici non riuscita, un viaggio di risate in macchina, un amaro caffè mattutino – ma capaci di illuminare i sentieri sicuri e i passi falsi di una vita coniugale, dove le piccole miserie e gli asti biliosi convivono con i segni di un’imperitura, ineludibile intimità.

Cosí è William il primo che Lucy chiama quando viene a sapere della malattia di David; ed è a Lucy che William chiede di accompagnarlo in un viaggio nel Maine alla spaventosa scoperta delle proprie origini e di verità mai conosciute. «Oh William», torna a ripetere Lucy, e in quell’interiezione c’è un misto eloquente di esasperazione per le sue mancanze e tenerezza per le sue illusioni.

Un sentimento caldo che si allarga in un abbraccio universale: «Ma quando penso Oh William!, non voglio dire anche Oh Lucy!? Non voglio dire Oh Tutti Quanti, Oh Ciascun Individuo di questo vasto mondo, visto che non ne conosciamo nessuno, a partire da noi stessi?»

Altra imperdibile uscita da segnarsi sul calendario è relativa al discusso “Lezioni di chimica” di Bonnie Garmus.


5. Lezioni di chimica Bonnie Garmus

Uscirà per Rizzoli il 3 maggio 2022 l’esordio narrativo di Bonnie Garmus divenuto un vero e proprio caso letterario.

Il romanzo “più conteso sul mercato internazionale nel 2020” arriva finalmente in Italia dopo una gestazione di due anni mentre Apple TV ne ha realizzato una serie con protagonista Brie Larson.

Si seguono le vicende di “Elizabeth Zott, una donna magnetica. Se entra in una stanza, state certi che non le staccherete gli occhi di dosso: perché è bella, e perché ha quel modo schietto di esprimere il proprio pensiero, che scende come una lama sulla superficie molle della morale comune. Siamo nel 1952, ed Elizabeth è una giovane chimica che lavora all’Hastings Research Institute in California, un ambiente ferocemente maschilista dove il suo innegabile talento viene per lo più messo a tacere, sabotato, o usato per il prestigio altrui. Malgrado le difficoltà, il coraggio di rivendicare diritti e successi non viene scalfito e spinge Elizabeth a perseverare. C’è solo un uomo che ammira la sua determinazione: è Calvin Evans, genio della chimica in odore di Nobel, con il quale nasce un sentimento puro in cui condivisione delle formule e attrazione fisica vanno di pari passo. Ma la vita, come la scienza, è soggetta a trasformazioni, e qualche anno dopo la tempra di Elizabeth, ora madre single, folgora un produttore televisivo che le affida la conduzione di Cena alle sei, un programma di cucina che nelle sue mani diventa un appuntamento quotidiano immancabile per il grande pubblico. Il suo approccio rivoluzionario ai fornelli, infarcito di digressioni scientifiche, non mira solo alla preparazione di stufati, ma anche ad aprire gli occhi all’universo femminile. Lezioni di chimica è la storia di una donna irresistibile, che cade e si rialza più volte; è l’avventura di un’esistenza che ribalta gli schemi e costruisce un nuovo percorso, nonostante tutto. Con Elizabeth Zott si ride e si piange. È lei a dettare il ritmo, a indicarci quando andare a testa alta e quando invece è impossibile. Quello che sembra dirci, alla fine di tutto, è di non fermarci mai.”

Non c’è poi da perdersi d’animo se si è lettori amanti del genere fantasy. Arriva infatti in libreria per Mondadori la chiacchieratissima saga di Chloe Gong.


6. Questa violenta fine Chloe Gong

In libreria a partire dal 10 maggio 2022 il primo volume della saga di Chloe Gong.

Si pesca a piene mani dunque, ancora una volta, dal fantasy asiatico.

Dopo il successo di alcune autrici promettenti, Mondadori affina il tiro e proporrà ai lettori italiani un’altra saga avvincente dai toni orientaleggianti.

La trama

Corre l’anno 1927 e Shanghai pare ormai sull’orlo della rivoluzione.

Dopo aver fatto credere a Roma di aver commesso un crimine terribile pur di allontanarlo da sé e proteggerlo da una faida sanguinaria, Juliette si è lanciata in una nuova missione. Una mossa sbagliata, però, e metterà a rischio il suo ruolo al comando della Gang Scarlatta, dove già qualcuno è pronto a prendere il suo posto.

Roma intanto non si dà pace: se lui non avesse permesso a Juliette di rientrare nella sua vita, niente di quel che è successo sarebbe accaduto. E, in preda alla disperazione e determinato a sistemare la situazione, arriva persino a maturare un’idea estrema.

Quando però un nuovo mostruoso pericolo si manifesta in città, nonostante i tanti segreti che li separano, Juliette e Roma si ritrovano un’altra volta faccia a faccia. Shanghai, poi, è ormai sull’orlo del collasso: i nazionalisti stanno marciando sulla città, le voci di una guerra civile imminente si fanno sempre più insistenti e la leadership delle due gang rischia il totale annientamento.

Roma e Juliette non hanno scelta: devono unire le loro forze se vogliono anche solo sperare di sconfiggere ciò che minaccia loro e la città. Ma i due ragazzi sono preparati a tutto tranne che al compito più difficile: proteggere i loro cuori l’uno dall’altra.

Se si è in dubbio sul recuperare il volume poiché appunto primo di una serie, il lettore può “dormire sonni tranquilli” poiché Mondadori ha già pronto fresco di stampa il secondo romanzo “Queste gioie violente”.

E se a maggio 2022 si ha intenzione di fare scorta di libri da leggere questa estate da segnalare è anche il nuovo romanzo di Lorenzo Marone “Le madri non dormono mai”.


7. Le madri non dormono mai Lorenzo Marone

Scrittore, giornalista culturale e, dal 2018, direttore della fiera del libro di Napoli “Ricomincio dai libri”, Lorenzo Marone torna in libreria a partire dal 10 maggio 2022.

In “La madri non dormono ami” lo scrittore presenta al lettore Diego.

La trama

Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha piú importanza.

Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lí, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella nella dolce Melina, che trascorre il tempo riportando su un quaderno le «parole belle»; guardie e volontari gli vogliono bene; migliora addirittura il proprio aspetto. Anche l’indomabile Miriam si accorge con commozione dei cambiamenti del figlio e, trascinata dal suo entusiasmo, si apre a lui e all’umanità sconfitta che la circonda. Diego, però, non ha l’età per rimanere a lungo nell’Icam, deve tornare fuori. E nel quartiere essere piú forte, piú pronto, potrebbe non bastare.

Ultimo ma non per ordine di importanza è poi il libro di Kwame Onwuace “Appunti di un giovane Chef nero” in uscita il 5 maggio 2022.


8. Appunti di un giovane Chef nero di Kwame Onwuace

Questa è la storia di Kwame Onwuace già noto per la sua particolare esperienza di vita. Una narrazione che sembra appartenere al genere fiction se non fosse che questo è di fatto il suo racconto personale e di tutte le vicende che hanno contraddistinto a renderlo ciò che è oggi.

Non si può per cui parlare di trama ma si può invece dire che all’età di 27 anni, Kwame Onwuachi aveva aperto – e chiuso – uno dei ristoranti più chiacchierati d’America. Aveva lanciato la sua società di catering con $ 20.000 che guadagnava vendendo caramelle in metropolitana, ma gli era stato detto che non ce l’avrebbe mai fatta in televisione perché la sua cucina non era abbastanza “meridionale”.

In questo stimolante libro di memorie sull’intersezione tra razza, fama e cibo, condivide la straordinaria storia della sua maturità culinaria. Cresciuto nel Bronx, da ragazzo Onwuachi è stato mandato nella Nigeria rurale da sua madre per “imparare il rispetto”. Tuttavia, la conoscenza conquistata a fatica in Africa non è stata sufficiente a tenerlo lontano dalla tentazione e dal denaro facile delle strade quando è tornato a casa. Ma attraverso il cibo, è uscito da una pericolosa spirale discendente, intraprendendo un nuovo inizio in fondo alla catena alimentare culinaria come chef a bordo di una nave di pulizia (Deepwater Horizon), prima di andare ad allenarsi nelle cucine di alcuni dei più acclamati ristoranti del paese e comparendo come concorrente in Top Chef.

L’amore di Onwuachi per il cibo e la cucina è rimasto una costante per tutto il tempo, anche quando ha trovato la strada per il successo piena di buche. Da giovane chef, è stato costretto a confrontarsi con quanto il mondo della cucina raffinata possa essere inospitale per le persone di colore, e il suo primo ristorante, il culmine di anni di pianificazione, è stato chiuso pochi mesi dopo l’apertura.

Una storia potente, sincera e incredibilmente onesta di inseguire i tuoi sogni – anche quando non si rivelano come ti aspettavi – Notes from a Young Black Chef è la ricerca delle sue passioni da parte di un uomo, nonostante le probabilità.