Paul Newman: presto l’inedita biografia mentre era ancora in vita

paul newman

Sarà pubblicata il prossimo anno negli Stati Uniti, un’autobiografia di Paul Newman lasciata inedita dall’attore mentre era ancora in vita

Ancora senza titolo, tutto sulla base di ore e ore di registrazioni che l’attore di “Butch Cassidy” e “La Stangata” aveva accumulato decenni fa, frustrato dalle tante biografie non autorizzate e da come i media trattavano la sua vita.

Ad annunciare l’uscita per il prossimo anno dell’autobiografia su Paul Newman, è stato l’editore Alfred Knopf che ne ha curato la pubblicazione.

E’ un racconto onesto e rivelatore dello straordinario arco vitale di un uomo molto imperfetto all’inizio della vita e da giovane, ma che da vecchio divenne il Paul Newman che tutti vogliamo che sia“.

Peter Gethers, Editor di Knopf

La storia orale autentica era stata poi trascritta, ma i testi erano rimasti abbandonati nella cantina della casa del Connecticut, dove ancora vive la vedova Joanne Woodward. Solo di recente la famiglia ha deciso di trasformarli in ‘memoir’ che includerà “riflessioni di Newman sulla sua infanzia, la sua carriera di attore e regista, la famiglia, la fama, Hollywood, Broadway, l’amore e i due matrimoni, l’alcol, politica e la vecchiaia”.

Si scoprono così i problemi di Newman con i genitori le sue insicurezze e le gelosie da attore, il rapporto con la bottiglia, i suoi difetti da marito nel primo matrimonio e poi da genitore. Un Newman sincero nel raccontare il dolore provato quando il figlio Scott morì a 28 anni per avvelenamento da alcolici, tenero e sexy nel narrare l’unione con la Woodward. Il libro, che includerà foto inedite, è stato acquistato a un’asta la scorsa primavera: dopo la morte di Stern. Sono le figlie che assisteranno l’editor nella pubblicazione col ruolo che sarebbe spettato all’autore, dando cioè luce verde alla scelta dei brani e alle bozze.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.