Piazza Plebiscito tra segreti e misteri

Piazza Plebiscito

Piazza Plebiscito, perché è così importante e cosa si nasconde dietro le sue statue

Piazza Plebiscito è la piazza più famosa di Napoli, ciò è dovuto non solo alla sua bellezza, alla sua maestosità e alla sua vastità che la rendono inimitabile, ma anche alla sua posizione, alla sua storia e alla sovrapposizione di leggende che decorano questo luogo. La piazza è infatti situata nel Centro Storico, tra il lungomare e via Toledo e, con i suoi 25 000 metri quadrati, rappresenta una delle piazze più grandi della città.

Per secoli è stata il luogo simbolo della politica partenopea e ancora oggi ha un ruolo molto importante per Napoli. Non a caso viene spesso scelta come sito per la rappresentazione di eventi come concerti e manifestazioni di rilievo.

Il nome della piazza deriva dal plebiscito tenuto nel 1860, il quale ha portato Napoli e il Sud Italia a unirsi al Regno d’Italia sotto il re Vittorio Emanuele II. La piazza è stata costruita all’inizio del XIX secolo sotto il regno del re Gioacchino Murat, che aveva come obiettivo quello di creare uno spazio pubblico imponente, adatto alle parate. Esso è divenuto, infatti, un ritrovo popolare sia per i residenti che per i turisti, ed offre ampio spazio per passeggiate rilassanti, eventi culturali e feste.

Le maledizioni della Regina Margherita

Quante volte vi sarà capitato di notare persone giocare all’interno della piazza? La sfida consiste nel bendarsi e cercare di camminare attraversando le due statue di Carlo di Borbone e Ferdinando IV al centro della piazza. Pur sembrando semplice, in realtà, è veramente complicato e quasi nessuno ci riesce.

Secondo la leggenda, l’impossibilità di attraversare Piazza Plebiscito bendati è attribuita a una maledizione della Regina Margherita. La storia narra che la regina concedesse una volta al mese ai suoi prigionieri la libertà, ma solo a patto che essi riuscissero a superare questa particolare prova. Tuttavia, nessuno sarebbe mai riuscito nell’impresa a causa delle imprecazioni lanciate dalla regina stessa.

Secondo questa leggenda, la maledizione sarebbe continuata nel corso dei secoli, rendendo l’attraversamento della piazza bendati un’impresa impossibile per chiunque provi a farlo.

In verità, questa storia è solo frutto dell’immaginazione popolare ed è priva di un fondamento storico. La ragione per la quale attraversare la piazza bendati porterebbe a disorientare il cammino è probabilmente legata all’ampiezza, alla forma e al dislivello della superficie della piazza.

Narrazioni popolari su Piazza del Plebiscito

La Regina Margherita non è l’unica presenza rimasta viva nei sanpietrini della Piazza. I segreti di Piazza Plebiscito sono molteplici: c’è chi sostiene di aver avvertito presenze paranormali nelle ore notturne nei pressi della piazza, chi pensa vi siano tesori nascosti o reperti archeologici celati o, ancora, che la forma della costruzione dei monumenti che la circondano sia frutto di significati a noi oggi ignoti.

Il non conoscere “le verità” rende questo luogo ancora più magico, sarà questo uno dei motivi che invoglia i turisti a considerarla una tappa obbligatoria per le loro visite guidate.

L’esperienza più comune e magica è quella di prendere una buonissima pizza d’asporto (quella fritta di Sorbillo è a due passi) e gustarla sulle scale magnifiche della piazza. Da lì, verrà naturale concedersi al fruscio del vento e godersi ogni attimo, comprendendo quanto la bellezza della vita sia conservata sempre nelle piccole cose.

Print Friendly, PDF & Email
Ambasciator