Project Relate: la nuova app di Google per le persone con problemi di linguaggio

project relate-google

Project Relate è l’ultima app lanciata da Google con cui l’azienda californiana mira ad aiutare le persone con problemi di linguaggio

É ormai da tempo che Google sta intensificando l’uso dell’Intelligenza Artificiale (AI) nel suo programma di sviluppo, applicandola a contesti diversi quali il clima, la medicina e all’accessibilità. E così, proprio in quest’ultimo settore l’azienda di Mountain View lancia Project Relate, la nuova app Android con cui mira ad aiutare le persone con problemi di linguaggio.

Nel creare la nuova app, Google ha lavorato a stretto contatto con vari volontari, tra cui Aubrie Lee, un brand manager dello stesso colosso americano, affetta da distrofia muscolare.

Sono abituata allo sguardo sulle facce delle persone quando non riescono a capire quello che ho detto. – spiega in occasione di ‘Inventors’, l’evento dedicato alle novità sull’AI -. Project Relate può fare la differenza tra l’avvertire confusione e il comprendere frasi e termini utilizzati nel mezzo di una conversazione“.

Al momento l’app prevederà un percorso di apprendimento esclusivamente in lingua inglese, con cui può creare un database del parlato e arricchire il vocabolario su cui si basa, potenziato dagli algoritmi di comprensione dell’intelligenza artificiale.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.