Punture di zanzara: 3 rimedi naturali

Zanzara

Cure semplici e naturali possono essere di grande aiuto per lenire e guarire dalle punture di zanzara

La zanzara, in estate, rappresenta un vero e proprio incubo a causa delle sue implacabili punture. Questi insetti sono ematofagi, cioè si cibano del sangue dei vertebrati (come gli esseri umani per l’appunto) non mordendo la preda ma succhiando grazie ad una sottilissima proboscide che infilano attraverso la pelle fino a raggiungere i vasi sanguigni. Grazie ad alcuni rimedi naturali, non invasivi, è possibile lenire i dolori e anche guarire dagli effetti più comuni quali arrossamento, gonfiore e prurito dell’area che presenta la puntura.

Punture di zanzara
Punture di zanzara

Cubetto di ghiaccio e acqua fredda

Applicare del ghiaccio, in un fazzoletto, sulla superficie della pelle irritata dalla puntura consente di anestetizzare la zona interessata, così da attenuare notevolmente il prurito. Il ghiaccio, inoltre, allevia il dolore, provocando al contempo una sensazione di frescura. Anche far scorrere acqua fredda serve ad attenuare il fastidio della puntura. 

Le piante: prodotti naturali utilissimi 

In particolare, l’aloe vera e la lavanda hanno proprietà analgesiche utilissime per poter trattare i diversi sintomi provocati dalla puntura di zanzara, perché riescono ad attenuare il prurito, lenendo al contempo le irritazioni. Erbe e piante, dalle quali sono realizzate creme naturali, sono la mandorla, la canfora, la camomilla e l’avena.

Pastelle di bicarbonato di sodio e acqua

Le pastelle di bicarbonato di sodio e acqua sono utilissime per alleviare il fastidio. In questo caso, funziona come effetto placebo sui più piccoli, perché sono anche commestibili.  

Rimedi naturali, per le quali non sono necessarie ricette mediche e facilmente rintracciabili. 

Ambasciator