Barça – Napoli: gli azzurri escono senza “veleno”. Le pagelle

Dopo dieci minuti di buon calcio, deludente la reazione della squadra di Gattuso

Barcelona Napoli pagelle. Siamo chiari: in pochi si aspettavano di uscire “facilmente” dal Camp Nou con un risultato esaltante e/o con la qualificazione in tasca.
L’impresa era ardua, evidente il divario tecnico, ma non impossibile.
Una prestazione “normale” quella della Barcelona, suggellata dalla classe infinita di Leo Messi e poco più. Resta l’amarezza per l’1-0 da annullare alla squadra catalana, per un palo ad inizio match e poco più. Sconfitta meritata e prestazione senza «veleno», utilizzando un concetto caro a mister Gattuso.

Solo attraverso il veleno, appunto, la squadra azzurra avrebbe potuto colmare il gap con gli avversari. Palla costantemente indietro, disattenzione e poca cattiveria agonistica possono sintetizzare le cause della sconfitta, anzitutto nel primo tempo.
Restano evidenti dei problemi che né con la gestione (comunque disastrosa) Ancelotti, né con quella di Gattuso sono stati superati: poca fisicità a centrocampo, assenza di compattezza tra i reparti ed un terminale offensivo troppo carente rispetto alle sue potenzialità.

Barcelona Napoli pagelle

Ospina 5 – non si registrano interventi di rilievo e non riesce a dare sicurezza al reparto difensivo;

Di Lorenzo 5,5 – molta volontà, poca efficienza. Lontano parente del calciatore brillante ed intraprendente di inizio stagione;

Manolas 5 – Disordinato e disattento, stagione da dimenticare, anche per i soliti problemi fisici;

Koulibaly 5,5 – non dare la sufficienza allo straordinario Kalidou è un colpo al cuore, ma la prestazione di stasera, seppur con qualche buon intervento, tradisce il suo infinito talento;

Mario Rui 5 – non riesce mai a sfondare sulla sinistra e difficilmente fronteggia lo strapotere di Semedo;

Demme 6 – si sacrifica come sempre, ma non riesce a dare ordine. Uno dei pochi a correre sempre e tentare di chiudere gli spazi vuoti a centrocampo;

Fabian Ruiz 4,5 – uno che possiede il suo talento non può essere così abulico! Difficile comprendere la causa di questa ostinazione a tenere troppo la palla;

Zielinski 5 – corre molto, ma non riesce ad imporsi in un centrocampo che ha fatto obiettivamente molta fatica;

Insigne 6,5 – freddissimo sul dischetto. Nonostante le sue precarie condizioni fisiche, ha fatto il possibile anche in fase difensiva;

Mertens 5,5 – Non si “accende” il nostro Dries, poco assistito ed i risultati sono evidenti. Peccato per il gol mancato ad inizio gara;

Callejon 6 – meriteresti 10, caro Josè, per quello che hai dato in questi sette anni e per l’uomo che hai dimostrato di essere. Opaca la prova di stasera, ma è impossibile non darti la sufficienza. Buona fortuna, caro Josè, quando vedremo il secondo palo penseremo sempre a te;

Lobotka 5 – Inconsistente la prova dello slovacco, inserito da Gattuso per dare ordine, invano;

Politano 6 – entra bene a partita in corso e tenta di scardinare la difesa blaugrana;

Lozano 5 – tanti dubbi intorno al messicano, speriamo che restino ancora tali e non diventino tristi certezze;

Elmas s.v.

Milik 6 – bellissimo il gol annullato, tenta di giocare da calciatore attivo e non da “pantofolaio” come nelle ultime uscite.

Gattuso 5,5 – Non riesce a ridisegnare la squadra dopo le reti del Barcelona, né a tirare fuori quell’anima che questa squadra ha, comunque, smarrito dopo la vittoria della Coppa Italia.