Corea del Nord: condannato a morte per aver diffuso Squid Game

squid game

Uno studente, di ritorno dalla Cina, era riuscito a nascondere i file di Squid Game in una chiavetta Usb

Kim Jong-un, il Leader Supremo della Corea del Nord, è un grande appassionato di film occidentali, sin dalla sua frequentazione di una scuola svizzera nei pressi della capitale Berna, dal 1993 al 1998. Peccato che questa sua passione non possa essere partecipata dal resto dei suoi compatrioti. Da anni, i simboli dell’Occidente, quali film e jeans, sono stati messi al bando e comminata la pena di morte per chi possiede e distribuisce questi materiali. 

A farne le spese, anche uno studente che ha osato distribuire la serie Netflix di maggiore successo: Squid Game

A morte per aver diffuso Squid Game!

Il “criminale” è stato condannato alla pena capitale, mentre un suo amico che ha acquistato la serie è stato condannato all’ergastolo. Altre 5 persone dovranno svolgere cinque ore di lavori forzati per aver manifestato l’intenzione di acquisire la serie proveniente dall’odiata Corea del Sud

I fatti sarebbero avvenuti nella Provincia di Hamgyong Settentrionale, confinante con la Repubblica Popolare Cinese, come riportato da diversi media statunitensi e sudcoreani

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.