Stranger Things 4a stagione: anticipazioni suoi nuovi episodi. Nessun volto noto?

stranger things

Il trailer rilasciato da Netflix ha preannunciato il ritorno di Stranger Things per quest’estate

Dopo tre anni d’attesa, tornerà Stranger Things su Netflix con la quarta stagione. I fan sono pronti a seguire le nuove strabilianti avventure (e disavventure) di Mike (Finn Wolfhard), Dustin (Gaten Matarazzo), Lucas (Caleb McLaughlin), Will (Noah Schnapp) e di Undici (Millie Bobbie Brown). Il trailer è stato rilasciato il 6 novembre durante lo Stranger Things Day.

Proprio quest’ultima è la protagonista del trailer. Undi deve ricominciare, questa volta senza poteri, dopo la morte di Hopper. Come gli spettatori sanno, in realtà, Hopper non è deceduto, ma è prigioniero in una base sovietica.

Durante TUDUM: A Netflix Global Fan Event, l’evento organizzato da Netflix online per ringraziare i suoi fan, è stato mostrato in anteprima un nuovo teaser trailer di Stranger Things 4.

Il video ritrae un’auto d’epoca che entra nel vialetto di una casa. I bambini e la famiglia si riuniscono a cena, ascoltando musica vintage, quando d’un tratto viene fatto notare un animale morto sul vialetto e, mentre la corrente va e viene a intermittenza, i bambini sono a terra, svenuti.

Poi, l’atmosfera e l’ambientazione cambia tutta d’un tratto: nella stessa casa, buia e abbandonata si vedono Steve, Dustin, Max, forse El e Lucas che cercano indizi. L’ultima inquadratura è per il quadrante di un orologio: è fermo ad un orario preciso.

Il teaser trailer rilasciato a maggio

Già il 6 maggio, è comparso su YouTube un ulteriore teaser trailer della serie che purtroppo, però, non fornisce anticipazioni chiare sulla storia che caratterizzerà i nuovi episodi. Nel video, non vediamo nessun volto conosciuto, almeno non prima della fine. I protagonisti sono dei bambini rinchiusi in una struttura che sembrerebbe essere l’Hawkins National Laboratory, gestito dal dottor Martin Brenner. Inizialmente si credeva che lo scienziato fosse morto nella prima stagione, ma in seguito è stato lasciato intendere che potesse essere sopravvissuto. I produttori hanno poi dato conferma di questa supposizione.

Il trailer che rivela i titoli degli episodi di Stranger Things

Insieme al trailer ufficiale della quarta stagione, su Youtube ne è uscito un secondo, che rivela i titoli che avranno i nuovi episodi. Questi sono:

Hellfire Club, La Maledizione di Vecna, Il mostro e la supereroina, Caro Billy, Il progetto Nina, Il tuffo, Il massacro al laboratorio di Hawkins, Papà e Il piano.

Lo Stranger Things day

Il 6 novembre si è concluso un altro Stranger Things Day! Questa data non è casuale: la serie, narra le vicende avvenute il 6 novembre 1983, quando Will Bryers scompare nel nulla a Hawkins, in Indiana. Nonostante la città abbia abbandonato le ricerche da tempo, i suoi amici non si sono arresi, grazie soprattutto ad Undici, una ragazzina dotata di poteri straordinari.

Lo Stranger Things day è trascorso tra anteprime della quarta stagione e contenuti esclusivi sui canali social della serie, oltre a esperienze per i fan dal vivo e prodotti in edizione limitata disponibili in vari paesi.

Si è tenuto un tour dei negozi temporanei a Times Square (New York) e nel complesso commerciale The Americana at Brand di Los Angeles.

Queste esperienze in negozio hanno consentito ai fan di trovare oggetti da collezione e gadget unici, oltre a dar loro la possibilità di visitare le leggendarie location della serie, come la casa di Joyce, il Palace Arcade, lo Starcourt, i laboratori russi, il Sottosopra e la Hawkins High School.

Inoltre, online ci sono state diverse sorprese:

I canali social di Stranger Things hanno ripostato i commenti dei fan e condiviso i momenti iconici e le battute della serie per tutta la giornata.

Su Facebook sono stati resi disponibili, nei canali Messenger di tutto il mondo, una nuova serie di sticker, filtri AR e molto altro.

Su Canva, invece, una serie di modelli grafici ispirati a Stranger Things e ottimizzati per tutte le principali piattaforme social (TikTok, Instagram, Twitter, Facebook, Snapchat), tra cui sfondi per le video chat con Zoom e Google Hangouts, disponibili su desktop, web, iOS e Android in mercati selezionati per un periodo limitato.

Le novità dei negozi per lo Stranger Things day

Presso Walmart, Target, Amazon e in altri principali punti vendita come Foot Locker, Snipes e Zalando, si sono potuti trovare una vasta gamma di merchandising inedito di Stranger Things, tra cui articoli di abbigliamento firmati Champion e ispirati alla Hawkins High, insieme a giocattoli e oggetti da collezione di Bandai, Funko e molti altri.

Sulla pagina ufficiale Netflix.shop, moltissimi prodotti sono stati messi in vendita: una nuova serie di prodotti Stranger Things, una linea di articoli da collezione e di abbigliamento di Chogrin, un’edizione limitata di cereali General Mills ispirati a Stranger Things (Cheerios, Lucky Charms e Cinnamon Toast Crunch naturalmente) e infine l’edizione speciale di una statuetta di un’Elegorgone creata da iam8bit.

Le edizioni limitate per lo Stranger Things day nel resto del mondo

In America Latina, Estrela ha offerto due bambole Susi ispirate a Stranger Things per festeggiare la giornata. Sono state disponibili collezioni speciali in tutta l’America Latina in vari ipermercati, rivenditori di Fast Fashion, grandi magazzini e negozi specializzati.

In Europa, Sephora ha offerto online e nei negozi una collezione di prodotti di bellezza Merci Handy, incluso un negozio temporaneo presso la sede principale degli Champs-Élysées, mentre Panini ha festeggiato con una serie di giochi, puzzle e figurine da collezione.

In Asia, All Rights Reserved ha collaborato con Futura Laboratories per creare un’esclusiva statuetta di Undici con l’iconica frase “Friends Don’t Lie” (Gli amici non mentono). La statuetta è stata presentata insieme a una collezione di articoli di abbigliamento a edizione limitata disponibile in tutto il mondo.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.