T.J. Jackson ad Ambasciator: “La musica mi accompagna da tutta la vita e sono innamorato del suono”

t.j. jackson-concerto-napoli

Venerdì 8 Luglio si è tenuto il concerto di T.J. Jackson a Villa di Donato a Napoli

Un concerto acustico che ha visto T.J. Jackson, figlio di Tito Jackson e nipote del grande Michael, suonare i suoi successi ripercorrendo i brani dei 3T, alcune cover come Man in the Mirror e Human Nature di Michael Jackson e Imagine di John Lennon.

Prima che iniziasse il concerto, T.J. Jackson ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Ambasciator, parlando della sua carriera e del suo modo di concepire la musica.

Quando hai realizzato di voler perseguire la carriera musicale come un lavoro?

Quando ero un bambino piccolo, volevo diventare come mio padre e i miei zii. Ho cominciato a suonare con i miei fratelli, registrando dei nostri brani. Quando avevamo 10,11 anni, come 3T abbiamo avuto la nostra prima offerta da una casa discografica, la Motown Records. Mio zio Michael voleva che non accettassimo, perché voleva che noi ci divertissimo. Così abbiamo aspettato quattordici, quindici anni e abbiamo firmato con la Sony. E poi da lì ho passato tutta la mia vita a suonare, a condividere il potere della musica da innamorato del suono e mi sento veramente fortunato.

Quali sono le tue influenze musicali nella realizzazione delle canzoni?

Mi ispiro alla musica dei Jacksons, delle Supremes, di Smokey Robinson, di Marvin Gaye, di Lionel Richie, dei Beatles, dei Bee Gees, di Paul Simon e dei Queen. Penso a questi cantanti come grandi nomi perché sono dei grandi artisti, non solo grandi musicisti. Seguendo questi esempi, riesco ad essere diverso e creativo.

Parlando del tuo ultimo album, che cosa ti ha ispirato nella realizzazione del tuo album “Acoustic Session n.1”?

Quello che mi ha ispirato è sicuramente qualcosa di intimo, reale, crudo e semplice. Ho sempre preso parte a grandi produzioni ma per questo tour ho voluto cambiare. Fare uno show con solo chitarra, musica e canzoni e talvolta percussioni, fa risaltare di più le canzoni. L’ho sempre amato e così ho avuto modo di tenere un concerto acustico con il mio ultimo album “Acoustic Session .1”

Quali sono i tuoi progetti musicali futuri?

Pubblicherò un album latino, voglio fare un altro album acustico e amo la musica di Natale. Ho molte idee e canzoni già scritte e sono entusiasta. Mi sento giovane, motivato ed emozionato per il mio futuro.

T.J. Jackson ha ottenuto anche un regalo dalla Fondazione MJJ Jackson onlus, un certificato come Goodwill Ambassador da Grazia di Somma, Presidentessa della Fondazione MJJ onlus, come ambasciatore del messaggio di cura del mondo intrapreso da Michael Jackson. Inoltre, T.J. Jackson ha ricevuto dalla città di Napoli e da Villa Di Donato una maschera di Pulcinella realizzata dallo scultore Lello Esposito e uno speciale disegno in cui si fonde la parola Jackson con Napoli e con la N che esce fuori dal Vesuvio.

T.J. Jackson live a Villa Di Donato – Villa Di Donato – credits Alessandro Perrotta

Maschera di Pulcinella e disegno del maestro Lello Esposito – in foto Patrizia De Mennato e Michelangelo Iossa – credits Alessandro Perrotta

Il tour adesso toccherà altre città europee come Bruxelles ed Amsterdam.

Lascia un commento

Ambasciator