Trenitalia: attacco hacker provoca disservizi

trenitalia

Sono state necessarie diverse ore per risalire all’origine dell’attacco hacker alle Ferrovie italiane. Trenitalia ha rilevato problemi in alcune stazioni

Fino ad alcune ore fa sono stati segnalati disservizi da parte delle Ferrovie dello Stato che hanno interessato alcuni sistemi digitali di Trenitalia. Viaggi annullati o ritardi, anche gravi, hanno creato problemi all’utenza che teme per i dati sensibili rilasciati online all’azienda.

In una nota, le Ferrovie hanno informato che sulla rete informatica aziendale:

“Sono stati rilevati elementi che potrebbero ricondurre a fenomeni legati a un’infezione da cryptolocker. […] Il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (Cnaipic) della Polizia Postale è impegnato a condurre tutti gli adeguati controlli e verifiche su quanto accaduto”.

Secondo diversi analisti gli autori dell’attacco informatico a Trenitalia sarebbero hacker afferenti al gruppo russo-bulgaro Hive Group, famoso per aver attaccato (tra gli altri) MediaWorld in Italia e il Ministero degli Esteri dell’Indonesia. La motivazione, quindi, sarebbe di natura economica e non politica. 

Preoccupazione per i dati personali dei viaggiatori Trenitalia

La vendita di biglietti, subito dopo l’attacco, è stata bloccata sia nei self service delle stazioni sia nelle biglietterie fisiche per ragioni di sicurezza. La vendita online è, invece, ripartita immediatamente. La circolazione ferroviaria è tornata alla normalità dopo poche ore. 

Ambasciator