Twitter: addio al limite di caratteri con la funzione Notes

twitter-notes

Twitter si sta preparando a lanciare una nuova funzionalità chiamata “Notes”, che darebbe il via alla possibilità di pubblicare contenuti più lunghi sulla piattaforma

Questa volta ci siamo davvero: Twitter supera se stesso andando oltre il limite attuale dei 280 caratteri.

Come spiega Techcrunch, con la funzione “Notes” gli utenti saranno in grado di creare articoli utilizzando una formattazione avanzata con l’opportunità di allegare al post foto e video, che gli altri potranno condividere e salvare. Una sorta di articoli postati direttamente sulla piattaforma senza passare per servizi di terze parti.

La funzionalità è in fase presso utenti selezionati negli Stati Uniti prima di un lancio pubblico che, per le fonti, non dovrebbe essere molto lontano. Twitter Notes potrebbe potenzialmente cambiare il modo in cui alcune persone utilizzano il social che, in tal caso, darebbe del filo da torcere ad app come Medium, nate proprio come aggregatori di articoli e approfondimenti.

In realtà, Twitter Notes non è una novità recente, almeno secondo quanto aveva scoperto all’inizio dell’anno lo sviluppatore Jane Manchun Wong. Inizialmente, la funzione veniva chiamata internamente “Twitter Article” e offriva strumenti di formattazione in una barra nella parte superiore dello schermo, con opzioni per il testo in grassetto, corsivo o barrato, elenchi ordinati, collegamenti, stili e allegati multimediali.

Wong ha notato che esisteva anche una “Modalità di messa a fuoco” che espandeva l’articolo in una visualizzazione a schermo intero e nascondeva le barre laterali di Twitter. In una serie di immagini condivise dal ricercatore di app Nima Owji lo scorso aprile, è stato dimostrato che la funzione supporta il salvataggio di articoli e un’interfaccia per l’accesso sia alle bozze che ai contenuti pubblicati.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.

Ambasciator