UDINESE – NAPOLI 1-2

TRE PUNTI D’ORO!

15′ rig Insigne (N), 27′ Lasagna (U), 90′ Bakayoko (N)

Il Napoli non può sbagliare contro l’Udinese, dopo la cocente sconfitta rimediata in casa contro lo Spezia, ha necessità di far punti per rientrare in zona Champions. La squadra di Gattuso è attualmente al sesto posto in classifica a quota 28 punti. Esordio dal 1’ in campionato per Rrahmani, Meret in porta, Hysaj in difesa, in mezzo giocano Fabian e Bakayoko, Petagna al centro dell’attacco.

L’Udinese arriva alla sfida con gli azzurri dopo il pareggio rimediato a Bologna grazie ad un gol segnato da Arslan nei minuti di recupero. Tante le assenze, Gotti schiera Lasagna come unica punta. Alle sue spalle Pereyra.

Nelle ultime cinque giornate di campionato Napoli e Udinese hanno collezionato rispettivamente quattro e tre punti. Udinese senza vittorie da 5 giornate nelle quali ha raccolto 3 pareggi e due sconfitte.

UDINESE (3-5-1-1): Musso; Becao, Bonifazi, Samir; Molina, De Paul, Arslan (72′ Walace), Mandragora, Stryger Larsen (72′ Zeegelaar); Pereyra; Lasagna (81′ Nestorovski). 
All. Gotti

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas (16′ Maksimovic), Rrahmani (46′ Mario Rui), Hysaj; Ruiz (68′ Elmas), Bakayoko; Lozano, Zielinski (90′ Demme), Insigne; Petagna (68′ Llorente). 
All. Gattuso

Ammoniti: Di Lorenzo, Arslan, Zeegelaar

Primo Tempo

2′ Primo tentativo del Napoli che riconquista palla e fa partire Insigne, il capitano ci prova da fuori con il destro, ma la palla finisce di poco al lato.
4′ La risposta dell’Udinese è immediata: De Paul, dopo un’azione manovrata dei friulani, raccoglie palla e ci prova con il destro, ma la conclusione è debole e Meret para senza problemi.
9′ Il Napoli gioca col baricentro alto, l’Udinese si fa molto pericolosa quando riconquista palla.
12′ Occasione per l’Udinese: gran palla di De Paul per Lasagna che riesce a guadagnare profondità, la mette in mezzo, ma non ci arriva Pereyra, poi arriva Mandragora e calcia, ma Meret para.

13′ Il Napoli protesta per un contatto in area su Lozano. VAR Check.
Calcio di rigore in favore del Napoli! Rigore perfetto di Lorenzo Insigne. 0-1.
16′ Primo cambio nel Napoli: Manolas esce per problemi muscolari, entra Maksimovic.
21′ Bel contropiede dell’Udinese con De Paul che taglia in due la difesa del Napoli e serve Pereyra, la cui conclusione finisce molto alta.
24′ Gli azzurri vicini al raddoppio: cross di Di Lorenzo e colpo di testa in tuffo di Lozano, Musso riesce a deviare la palla in angolo.
24′ Sugli sviluppi dell’angolo, Petagna sfrutta un assist di Lozano e la gira di testa verso la porta, il portiere bianconero devia ancora in angolo.

27′ Udinese in avanti. Su un disimpegno non complicato, Rrahmani tocca troppo debolmente il pallone verso Meret, si inserisce Lasagna che aggira il portiere del Napoli e deposita in rete. Il clamoroso errore difensivo di Rrahmani porta in parità i friulani. 1-1.
28’ Gattuso carica i suoi ragazzi.
37′ Ammonito Di Lorenzo per fallo su Arslan.
41′ Minuti di pressione costante dell’Udinese. Il Napoli è in leggera difficoltà, sembra aver perso certezze.   
44′ Giallo anche ad Arslan per fallo su Zielinski.
45′ Ancora molto pericolosa l’Udinese questa volta con Stryger Larsen che recupera un pallone dopo un contrasto tra Rrahmani e Lasagna e calcia a colpo sicuro, ma Meret ci mette un piede.

Due minuti di recupero. Napoli in attacco nella sua ultima occasione del primo tempo.

Secondo Tempo

46‘ Entra Mario Rui, esce Rrahmani.
50′ Il Napoli inizia il secondo tempo con nuova grinta. Doppia chance per gli azzurri  per riportarsi in vantaggio:  Zielinski si coordina alla perfezione su uno spiovente, Musso riesce a intercettare la conclusione, poi la palla arriva a Insigne che prova a piazzarla sul secondo palo, ma la mette di poco fuori.
54′ Ancora pericolosa la squadra di Gattuso con una punizione di Insigne sulla quale si inserisce Maksimovic, il tocco però finisce sull’esterno della rete.
56′ Risponde l’Udinese con una ripartenza: Lasagna vede l’inserimento di Stryger Larsen, stesso diagonale come nel primo tempo e stesso intervento di Meret con il piede.

58′ Ancora Udinese. Stessa azione della precedente: De Paul si fa avanti con un ottimo assist per Lasagna che calcia verso la porta del Napoli, ancora una volta Meret, che para col piede.
67′ Cartellino giallo per Samir per fallo su Lozano.
68′ Gattuso effettua due cambi nel tentativo di dare un nuovo senso alla partita.  Entrano Llorente e Elmas, escono Petagna e Fabian Ruiz.
71′ Anche Gotti cambia due uomini. Escono Arslan e Stryger Larsen, entrano Walace e Zeegelaar.
73′ Il Napoli ci crede ancora e vuole fare risultato: sugli sviluppi di un calcio d’angolo la palla viene raccolta da Insigne che tira, ma la manda sul fondo.

79′ Azzurri all’assalto: ennesima conclusione di Insigne. Tiro angolato e potente. Musso si distende e para.
81′ Finisce la partitaper Lasagna: esce ed entra Nestorovski.
Non c’è grande fluidità di gioco in questa fase dell’incontro. Le squadre sono chiaramente stanche. Ma il Napoli cerca di tirare fuori le ultime forze per portare a casa il risultato. Pericolose le ripartenze dell’Udinese.
86′ Giallo per Zeegelaar.
89‘ I partenopei continuano a spingere, anche se mancano di lucidità. I friulani provano a tener testa agli avversari per tenere al sicuro il prezioso pareggio.
90′ Il Napoli, però, ci crede di più e Bakayoko, di testa, riporta gli azzurri in vantaggio. 1-2.

Quattro minuti di recupero. Non servono ai bianconeri per recuperare il risultato.Finisce l’incontro alla Dacia Arena: Udinese – Napoli 1-2

In un momento particolarmente difficile, il Napoli conquista ad Udine tre punti preziosissimi.

Da segnalare i primi splendidi 20’ giocati dagli uomini di Gattuso, che pare abbiano ritrovato entusiasmo. L’Udinese, squadra difficile da incontrare e da leggere, ha tenuto duro, cercando di rendersi pericolosa nelle ripartenze.

Il tecnico azzurro insiste nel chiedere un cambio di atteggiamento dei suoi ragazzi, confidando nel miglioramento mentale e caratteriale del gruppo. Intanto, festeggia con una vittoria i 43 anni compiuti ieri.
Auguri, Mister!

Appuntamento con il campionato tra sette giorni allo Stadio DIEGO ARMANDO MARADONA per NAPOLI-FIORENTINA.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.