Ventunesima giornata di Premier League

Premier League

Le Premesse

Ventunesima giornata di Premier League che si apre con ben sei partite. In campo entrambe le squadre di Manchester e l’Everton. Sfida per la salvezza quella tra West Bromwich e Fulham, tenta di recuperare il Liverpool che proverà a rilanciarsi il Tottenham in casa del Brighton.

Ventunesima giornata: Saturday Night

Il primo match della ventunesima giornata è quello tra Everton e Newcastle. A sorpresa gli uomini di Ancelotti capitolano in casa dopo un match equilibrato. Bisogna aspettare la ripresa per le due reti ospiti: al 73’ Wilson mette a segno di testa la rete del vantaggio sugli sviluppi di corner. Nel recupero lo stesso Wilson trova la doppietta dopo essere stato messo a tu per tu con Pickford da Lewis.

A seguire la sfida da metà classifica tra Crystal Palace e Wolverhampton. I padroni di casa giocano meglio e ottengono una meritata vittoria grazie alla sola rete di Eze che al 60’ che punisce l’erroraccio di Rui Patricio. Padroni di casa che potrebbero anche raddoppiare col tiro di Zaha. Goal negato dalla traversa. Finisce 1-0!

Sfida testa coda tra Manchester City e Sheffield United. La capolista dopo soli 9 minuti sblocca il risultato con la rete di Gabriel Jesus a coronamento di una splendida azione corale. City che annichilisce completamente gli avversari che raggiungono sono il 25% di possesso palla. Termina 1-0 col primato consolidato!

Bellissima partita quella per non retrocedere tra West Bromwich e Fulham. Agli ospiti bastano 10 minuti per passare in vantaggio con la rete di Reid anticipando il portiere in area. Al 47’ West Bromwich pareggia con Bartley con un’azione fotocopia del primo goal. Fulham che sembra subire il colpo psicologico e subisce il secondo goal, con Pereira che in area anticipa i difensori. Al 66’. Cavaleiro sentenzia il 2-2 finale con un goal in tuffo di testa al 77’. Pareggio che non serve a nessuna delle due!

Arsenal-Manchester United è il big match di giornata. La partita è tiratissima ed equilibratissima. La palla goal più pericolosa però è dei “Red Devils” con una magnifica punizione di Lacazette. Solo la traversa e tanta imprecisione negano la vittoria agli ospiti bloccandoli sullo 0-0! City ora a -3

Southampton-Aston Villa è il posticipo di questo Saturday Night. I padroni di casa surclassano gli avversari, ma sono costretti a rincorrere quando Barkley al 41’ s’inserisce su un cross di Grealish e punisce la difesa di casa. Al minuto 94 il Southampton si vede annullare dal VAR per fuorigioco il goal del 1-1. Vince l’Aston Villa!

Posticipi domenicali ventunesima giornata

Apre il posticipo domenicale la vittoria del Chelsea sul Burnely per 2 reti a 0, regalando la prima vittoria a Tuchel. Padroni di casa che ci mettono un po’, ma trovano il vantaggio al 40’ col gran goal di Azpilicueta. I “Blues” chiudono il match col goal in scivolata di Marcos Alonso al minuto 84.

Sorpresa a Leicester, dove i padroni di casa vengono sconfitti dal ben più modesto Leeds del sempreverde “loco” Bielsa. Pensare che i padroni di casa sono passati in vantaggio col solito Maddison, trascinatore indiscusso. La risposta ospite arriva dopo due minuti con Stuart Dalla che sfrutta una disattenzione difensiva. Al 70’ il sorpasso Leeds con Bamford che trova l’incrocio dei pali con un tiro da fuori. Chiude il match Harrison con uno splendido contropiede.

Stesso risultato a Londra dove il West Ham viene sconfitto dal Liverpool. Bisogna aspettare il secondo tempo per vedere i goal. Uno scatenato Salah prima supera il portiere al 57’, si ripete al 68’ superando il povero Fabianski con un mezzo pallonetto. Cala il tris Wjnaldum all’84 servito da Firmino a porta spalancata. Goal della bandiera di Crosswell all’87’ che rende il passivo meno amaro.

A sorpresa seconda sfida consecutiva per il Tottenham in casa del Brighton. La notizia è che Mourinho è stato messo in scasso da Potter, che ha imbrigliato le trame di gioco. Il goal vittoria arriva dopo solo 17 minuti con Trossard che punisce una troppo disattenta difesa.  

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.