Videoconferenze web: le 5 migliori piattaforme software del 2021

videoconferenze

Quali sono stati I migliori software e applicazioni di videoconferenze del 2021 che hanno reso semplice e facile connettersi online con amici, familiari e colleghi?

Se non avevate familiarità con le piattaforme di web conference prima della pandemia, scommettiamo che ora le conoscete tutte.

Senza i software di web conference, molti settori sarebbero stati completamente paralizzati durante la pandemia, compresi l’istruzione e il business internazionale. Tuttavia, grazie al diffuso accesso ai computer e alle connessioni internet ad alta velocità, le aziende e le istituzioni educative hanno potuto continuare ad essere produttive in questi tempi difficili.

Con l’emergenza CoronaVirus sempre più persone hanno iniziato a adottare lo smartworking, portando le aziende a usare le conferenze web come mezzo primario di comunicazione tra i dipendenti. Inoltre, con parte del mondo in isolamento, con misure di distanziamento sociale in atto, anche passare del tempo con la famiglia e gli amici quest’anno è stato in gran parte limitato alle videochiamate. Dalle feste di compleanno dei bambini alle riunioni d’affari, le conferenze web e le piattaforme per le videochiamate sono ora un luogo comune praticamente per tutti.

Le conferenze web, tuttavia, erano in aumento anche prima della pandemia del coronavirus. Secondo un rapporto di Valuates, il web conferencing ha un valore stimato di 12,5 miliardi di dollari e si prevede che raggiungerà i 19 miliardi di dollari entro il 2025.

Esploriamo insieme le piattaforme di videoconferenze più diffuse durante il 2021.

Microsoft Teams

All’interno di una sola applicazione, Microsoft Teams permette agli utenti di programmare riunioni video o chiamate audio con una singola persona o un team. Gli amministratori possono anche organizzare webinar e grandi riunioni con un massimo di 10.000 partecipanti.

La piena integrazione con Microsoft 365 significa che le chiamate possono essere facilmente programmate e gli inviti condivisi tra l’organizzazione, mentre gli ospiti esterni possono partecipare dal loro browser web senza scaricare l’applicazione.

Microsoft Teams fornisce anche la gamma completa di caratteristiche che ci si aspetta da un fornitore leader di software di videoconferenze, tra cui la condivisione dello schermo e la registrazione delle chiamate, didascalie dal vivo, tecnologia di sfocatura dello sfondo e funzionalità di chat.

Nel complesso, Microsoft Teams è ideale per le aziende che già utilizzano Microsoft 365, o che stanno cercando di reinventare la comunicazione digitale della loro organizzazione e gli spazi di lavoro in team.

Google Meet

Google Meet, precedentemente Google Hangouts Meet, fa parte della piattaforma dedicata alla produttività per ufficio Google Workspace (precedentemente conosciuta come G Suite). Avendo goduto di un recente rebrand, Google Meet mira a fornire un servizio di conferenza di prima classe.

Sviluppato specificamente per le esigenze aziendali, può soddisfare un gran numero di utenti in una sola volta. Essendouna versione migliorata dello standard Google Hangouts, Google Meet mira a rendere più facile il lavoro con i clienti esterni. Lo fa in primo luogo fornendo un’esperienza di web app, il che significa che non c’è nessun software da scaricare, in secondo luogo, fornisce anche un numero di telefono dedicato, che non solo significa che i dipendenti in movimento possono partecipare, ma questo assicura anche che la qualità della linea sia mantenuta e che non ci siano disconnessioni improvvise.

Un altro vantaggio chiave è che essendo all’interno della piattaforma Google Workspace è facile utilizzare i dati di altre applicazioni, non ultimo Google Calendar, non solo per pianificare le riunioni, ma anche per impostare le informazioni sugli eventi.

In definitiva, Google Meet è una seria piattaforma di conferenze di livello aziendale che non richiede grandi costi iniziali per l’hardware, rendendola particolarmente accessibile per le imprese di qualsiasi dimensione.

Zoom

Zoom offre una soluzione di videoconferenze e messaggistica per desktop e app per dispositivi mobili, che mira ad essere molto veloce e facile da configurare, e offre una vasta gamma di caratteristiche scalabili.

Le riunioni possono essere salvate localmente o nel cloud  garantendo video e audio in HD e può supportare fino a 1.000 partecipanti allo stesso tempo, e fino a 49 video su un singolo schermo, anche se incontri così grandi sono probabilmente più adatti a monitor a grande schermo.

Tra le varie funzioni Zoom permette la condivisione di file e un archivio di dieci anni. Molto importante è anche menzionare che la sicurezza è integrata, grazie ad una crittografia TLS a 256 bit sia per le riunioni che per i file condivisi.

Tutte le funzionalità menzionate sono disponibili per il piano a pagamento ma è possibile usufruire anche del servizio gratuitamente organizzando meet in grado di ospitare fino a 100 persone per un massimo di 40 minuti.

Slack

Slack è la scelta migliore per le piccole imprese perché è possibile avviare riunioni rapidamente e facilmente da una piattaforma di comunicazione unificata che è già popolare e familiare a molti team aziendali.

La maggior parte delle persone pensa a Slack come una piattaforma per la chat ma include anche una funzione di videochiamata che permette agli utenti connessi di chiamarsi l’un l’altro senza pianificazione richiesta.

Il più grande svantaggio è che funziona solo per i membri del team aziendale connessi a Slack; dunque, non è possibile utilizzarlo facilmente per le chiamate con i clienti o altre parti esterne. Tale limitazione comporta la necessità di un’altra piattaforma di videochiamata al fine di integrare Slack per le chiamate esterne.

È gratuito da usare, con piani a pagamento disponibili per eventuali funzioni aggiuntive.

Cisco Webex

Cisco Webex è un sistema di videoconferenze online che consente di partecipare a riunioni di alta qualità video con un massimo di 1000 partecipanti, attraverso il web, app desktop o cellulare.

Oltre a condividere lo schermo, si può anche condividere una lavagna per fare brainstorming e collaborare virtualmente e per garantire l’assoluta privacy dei dati, offre la crittografia, il supporto TLS 1.2 ed il blocco delle riunioni. Cisco Webex permette anche di registrare le riunioni e fornisce trascrizioni generate automaticamente per ogni sessione.

L’integrazione con Outlook, Office 365, e i calendari di Google aiutano anche a ospitare, unirsi e programmare le riunioni di conseguenza.

Altre caratteristiche principali sono:

– Un’assistente digitale ad attivazione vocale che prende nota di tutti i punti salienti durante la conferenza creando una e-mail di riepilogo post-riunione;

– Sfondi multipli sfocati, virtuali o personalizzati;

– Fornisce layout video personalizzati per aiutare ad ottimizzare lo schermo delle videoconferenze.

La pandemia di COVID-19 è stata ed è ancora oggi una sfida per tutti noi. Fortunatamente, le piattaforme di web conferencing si stanno dimostrando all’altezza della situazione per fornire gli strumenti essenziali che ci permettono di continuare a lavorare, studiare o socializzare mentre aspettiamo che l’epidemia di coronavirus si stabilizzi.

Anche se non c’è nulla che sostituisca il contatto di persona, ci sono molte cose che possono essere realizzate facilmente e rapidamente tramite conferenze web, quindi è auspicabile che l’uso di queste piattaforme continui a proliferare anche quando COVID-19 diventerà un lontano ricordo.

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.