Wikipedia: nel 2023 la Russia lancerà la propria versione

La Russia si dota della propria Wikipedia

La Russia accusa Wikipedia di propaganda anti russa. Per questo motivo ha deciso di realizzare una propria versione dell’enciclopedia digitale

La guerra in Ucraina si combatte ormai da quasi un anno, da giovedì 24 febbraio 2022. Un conflitto che si svolge anche attraverso la propaganda su Internet

Proprio su questo complesso campo, la Russia ha deciso di sferrare un colpo diretto all’enciclopedia digitale Wikipedia, accusata di aver violato più volte la legislazione russa diffondendo “false informazioni” sull’operazione speciale intrapresa da Mosca in Ucraina. 

Guerra Ucraina

Le autorità russe, come risposta a questa imbarazzante situazione, hanno deciso di realizzare Znániya (Conoscenza), nuova versione della più celebre enciclopedia informatica. 

Znániya sarà disponibile già l’anno prossimo

Dopo aver multato Wikipedia con multe per milioni di rubli, il Ministero russo dello Sviluppo Digitale, Comunicazioni e Mass Media ha deciso di passare all’azione. 

Durante la recente presentazione del progetto alla Camera Bassa del Parlamento russo, il ministro Maksut Igorevich Shadáyev ha informato che “il portale Znániya già conta più di 100.000 articoli”. Si sta ponendo grande attenzione all’esattezza delle informazioni contenute in vista del grande lancio che dovrebbe avvenire nei primi mesi del prossimo anno. 

Precedenza su Wikipedia

Shadáyev ha anche precisato che “il nostro portale Znániya sarà sempre in cima nelle ricerche web, così da apparire sempre davanti a Wikipedia”. 

L’enciclopedia digitale è da mesi sotto la lente di Roskomnadzor, l’ente federale che supervisiona le comunicazioni e le tecnologie dei mass media e dell’informazione. Wikipedia, infatti, è una spina nel fianco per quanto riguarda l’interpretazione che il Cremlino vuole diffondere di questa immane tragedia. 

stefano-popolo

A title

Image Box text

STEFANO POPOLO

CEO & Founder

Classe 1993, fondatore di Ambasciator e giornalista pubblicista.
Ho pensato al nome Ambasciator per raccontare fedelmente la storia delle persone, come strumento e mezzo di comunicazione senza schieramenti. Ambasciator, non porta penna.

Ambasciator